Stampa

Albania - Cartina

Albania - Contesto generale

 

Superficie: 28.748 Km2
Capitale: Tirana (536.998 abitanti)
Altre città principali:
Durres (199,073 ab.);Fier (125,353 ab.);Vlora (117,850 ab.);Elbasan (116,971 ab.);Korce (88,358 ab.);Shkoder (96,328ab.);Vlora (117,850 ab.)

Popolazione: 2.889 milioni (2015 – Banca Mondiale)
Lingua ufficiale: Albanese, una minoranza parla il greco. L'uso dell’inglese non è particolarmente diffuso.
Religione: Musulmani sunniti (70%); Cristiano- ortodossi (18%); Cattolici (12%).
Moneta: Nuovo Lek (ALL), suddiviso in 100 Gintars.

Albania - Principali Indicatori Economici

 

 

2013 2014 2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $) 210.604 213.784 193.013
RNL pro capite, metodo Atlas (US $) 5.520 5.490 4.870
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $) 516.296 543.685 567.741
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($) 13.520 13.960 14.310
Quota del reddito posseduto da più del 20% .. .. ..
PIL (milioni US $) 209.704 213.518 166.839
Crescita del PIL (% annua) 2,8 3,8 3,9
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo) -0,1 -0,4 -6,0
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL) 10,6 11,1 13,1
Industria,valore aggiunto (% del PIL) 47,8 45,7 39,0
Servizi, ecc, valore aggiunto (% del PIL) 41,6 43,3 47,9
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL) 33,2 30,5 ..
Importazioni di beni e servizi (% del PIL) 30,4 32,0 ..
Investimenti lordi (% del PIL) 43,4 45,6 ..
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL) .. .. ..
Tempo necessario per avviare un business (giorni) 24 22 20
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL) 3,0 18,0 39,8
Gettito fiscale (% del PIL) .. .. ..
Scambi di merci (% del PIL) 57,2 56,9 53,5
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $) 1.692 1.503 -403
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $) 200,67 157,67 ..

Fonte: World Bank - Aggiornamento 3/01/2017 
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

 

(*) Previsioni

Crescita annuale del PIL (%)
2005 5,7
2010 3,7
2015 2,6
2016* 3,2
2017* 3,5
2018* 3,5
2019* 3,7

Albania - Prospettive future

 

Le previsioni economiche della Commissione Ue per il 2017 indicano un'accelerazione dell'attività economica in Albania, con la spesa dei consumatori in crescita e gli investimenti che resteranno a livello elevato. Il commercio estero, è rilanciato e si espanderà ulteriormente. L'inflazione salirà lentamente, fino all'obiettivo prefissato. Il Prodotto interno lordo (Pil) del paese dovrebbe crescere del 3,7% nel 2017 e del 3,9% nel 2018, dopo il 3,5% del 2016. I consumi privati dovrebbero passare dal più 2,5% del 2016 al 3,2% del 2018.
Secondo la Commissione Ue, inoltre, l'atteggiamento di politica fiscale dovrebbe ridurre lentamente il debito pubblico, che dovrebbe passare dal 72% del Pil del 2016, al 69,5% del 2017, e al 67% del 2018.

Nel suo Transition Report 2016-2017, la BERS prevede che la crescita sarà sostenuta dagli investimenti esteri, sottolineando il peso significativo della costruzione del gasdotto TAP sull’economia del Paese. Per il 2017 l’Istituto Finanziario Internazionale prevede un’accelerazione del ritmo di crescita, con un tasso che dovrebbe raggiungere il 3,5%. Le Autorità albanesi prevedono invece un tasso di crescita superiore nel 2017 (+3,8%), destinato poi a superare la soglia del 4% negli anni a venire.

Albania - Settori produttivi

 

I principali settori produttivi in Albania attualmente sono: il settore agricolo; l’industria (principalmente quella leggera guidata dal comparto moda); il commercio e i servizi. L’Albania offre importanti opportunità nel settore agricolo, grazie al suo clima favorevole e al basso costo della forza lavoro rurale. Grazie all’uso di metodi tradizionali, la frutta, le verdure, la carne e i prodotti caseari albanesi sono coltivati e prodotti con pochissimi additivi artificiali, prodotti chimici o pesticidi.
L’Albania è così in grado di diventare uno dei principali produttori mondiali ed esportatore di alimenti biologici di qualità, destinati ai mercati regionali ed europei. Con la ratifica nel 2009 dell’Accordo di Stabilizzazione e Associazione sottoscritto il 12 Giugno 2006, l’Albania sta ora applicando al settore agricolo le regole e gli standard europei. La produzione tessile e l’abbigliamento sono la principale fonte di occupazione nel settore manifatturiero. Sulla base di una forte tradizione nella produzione di indumenti, dalle privatizzazioni degli anni ‘90 molte aziende locali hanno consolidato una solida reputazione, mentre le imprese straniere hanno notevolmente aumentato la loro quota di produzione nel settore, in particolare nell’ambito della lavorazione per l’esportazione.
Molte aziende straniere operano in Albania da oltre un decennio e molte di loro continuano a vedere incrementato il proprio lavoro con conseguente aumento del numero di impiegati. In tale ambito, il Governo albanese ha approvato nel 2014 un nuovo pacchetto fiscale destinato al settore moda, in modo da poter attirare ulteriori investimenti nel settore.
Gli elementi principali del pacchetto sono: la concessione di contratti da 1 euro per gli impianti di lavorazione attiva, il rimborso IVA entro 30 giorni per gli esportatori ed entro 60 giorni per tutti gli altri, il credito immediato dell’IVA per il carburante senza la necessità di consegnare documenti o di ottenere il consenso della Direzione Regionale delle Tasse, il coinvolgimento delle ditte di abbigliamento nelle zone franche industriali come società dell’industria di lavorazione attiva. Particolare attenzione è stata riservata all’incremento del numero degli impiegati, puntando ad una crescita numerica fino a 100.000 unità, dai 28.000 che risultano attualmente, in un periodo di tre anni. Un altro settore in forte crescita è quello del turismo. Tale comparto è disciplinato dalla L. 9734 del 14.05.2007. I primi incentivi nel settore sono stati introdotti già nel 1993 con la legge “Per lo sviluppo delle zone turistiche”.
Tali incentivi sono determinati sulla base di uno status speciale creato per gli investitori, i quali sono tra l’altro: (a) esentati da dazi doganali e accise sulle merci importate; (b) esentati da tasse sui profitti per 5 anni dal momento del completamento della fase di sviluppo degli investimenti; (c) beneficiari di una riduzione d’imposta sui profitti fino al 40% a patto che gli utili siano reinvestiti in Albania.
Le principali attività previste sono la costruzione, la ricostruzione, il miglioramento e l’ampliamento delle strutture esistenti, nonché la gestione di alberghi, motel e villaggi turistici.
Con la Legge n. 76/2013 (che modifica parzialmente la Legge n. 9734) è stato costituito l’Ufficio per i Servizi Turistici, presso il Ministero del Turismo.

Albania - Interscambio con l'Italia

 

I dati dell'Istituto di statistica albanese dell'interscambio commerciale fra l'Albania e l'Italia registrano un calo su base annua nel mese di maggio corrente raggiungendo ​i​ 195,4 milioni di euro, circa 6,9 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo del 2016. Ad incidere sarebbero state le importazioni albanesi, 111 milioni di euro, circa 6,9 % in meno. Il made in Italy sul mercato albanese ha tuttavia rappresentato il 47,2 % del totale delle importazioni dai paesi dell'Unione europea, seguito dalla Grecia con l'1,2 %. In leggera crescita invece le esportazioni albanesi verso l'Italia, 84,6 milioni di euro, solo 1,6 milioni di euro in più rispetto al luglio del 2015 ossia un incremento dell'1,9 %. Rispetto al volume dei prodotti albanesi finiti sul mercato unico, il made in Albania che ha avuto come destinazione l'Italia rappresenta il 65,2 %. Di conseguenza il disavanzo commerciale dell'Albania con l'Italia si è ridotto, scendendo a 26,4 milioni di euro, rispetto a 36,3 milioni di euro di luglio 2015. Per quanto riguarda la composizione merceologica dell’interscambio tra Italia ed Albania nel biennio 2013-14, le “Calzature” sono la prima voce tra i prodotti importati in Italia nel 2014 con un valore di € 234 milioni, mentre il petrolio greggio con un valore di € 133 milioni è la seconda voce e camicie, T-shirt, corsetteria e altra biancheria intima con un valore pari a € 92,3 milioni rappresenta la terza voce.
I principali prodotti esportati dall’Italia nel 2014 sono invece: Prodotti della raffinazione del petrolio (€ 318,7 milioni), Cuoio e pelle conciati e preparati; pellicce tinte e preparate (€ 82,5 milioni). Camicie, T-shirt, corsetteria e altra biancheria intima (€ 52 milioni) sono la terza voce.

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Albania 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 836.216.642,00 € 959.794.937,00 € 1.338.241.008,00
Importazioni € 509.719.496,00 € 474.646.343,00 € 766.532.165,00

Albania - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali
00 355, prefisso per il Paese; 42 Tirana; 52 Durazzo.

Fuso orario
1 ora avanti rispetto all’orario del Meridiano di Greenwich; stesso orario del Meridiano relativo all’Italia.

Documentazione necessaria per l'ingresso nel Paese
Passaporto/carta d'identità valida per l'espatrio: è necessario viaggiare con uno dei due documenti che abbia una scadenza superiore di almeno tre mesi alla data di rientro dall’Albania. Per i cittadini UE non è necessario il visto d'ingresso. Si rammenta tuttavia che la normativa albanese sul soggiorno degli stranieri prevede che non si possa soggiornare nel Paese per un periodo superiore a 90 giorni nell'arco di 6 mesi. Chi deve trattenersi per un periodo superiore deve pertanto chiedere un permesso di soggiorno alle competenti Autorità albanesi. Coloro che non ottemperano a tale obbligo rischiano di vedersi rifiutato il diritto di ingresso in Albania (o di essere espulsi dal Paese, con conseguente divieto di reingresso, nel caso in cui si trovino già in Albania e superino i 90 giorni consentiti nel semestre).
Non è permesso uscire dal Paese portando con sé somme che eccedano i USD 20.000 o il loro controvalore. Per l’assicurazione dei veicoli non è valida la carta verde italiana; all’ingresso nel Paese, direttamente alla frontiera terrestre o marittima, è necessario stipulare una assicurazione temporanea con una compagnia albanese il cui costo medio, per una autovettura per 15 giorni, è di circa 50 Euro.

Sicurezza
La situazione generale di sicurezza nell'area di Tirana e Durazzo è in via di progressivo miglioramento e non comporta particolari rischi; nel resto del Paese, in particolare nelle aree interne e più remote, anche a causa del cattivo stato delle strade e della scarsa illuminazione, è opportuno evitare spostamenti nelle ore notturne. La rete stradale è infatti ancora in corso di completamento e gli spostamenti nelle diverse aree del Paese richiedono, talvolta, anche ore di viaggio su strade sconnesse.
Nonostante il controllo delle Forze dell'Ordine nelle città sia soddisfacente, si consiglia di farsi accompagnare qualora si intenda andare nelle zone periferiche, anche nelle ore diurne.
Zone sicure: centro dei principali agglomerati urbani e zone turistiche (Saranda, Dermi, Butrinto).
Avvertenze
Si consiglia vivamente di:
  • registrare i dati relativi al viaggio che si intende effettuare all'estero sul sito www.dovesiamonelmondo.it;
  • custodire in luogo sicuro documenti ed in particolare il passaporto, soggetto a furti e scippi;
  • effettuare gli spostamenti in città preferibilmente nelle ore di luce.
Settimana lavorativa
UFFICI: da lun- ven 9.00 - 17.30
NEGOZI: da lun – dom 8.30 - 21.00
BANCHE: da lun - ven 8.30 - 15.30
POSTE: da lun - ven 7.00 - 19.00
UFFICI PUBBLICI: lun - ven 7.00 - 15.00.

Principali festività
1-2 gennaio (Nuovo Anno);
1 maggio (Festa del lavoro);
17 luglio (Giorno del Grande Bajram);
24 settembre (Giorno del Piccolo Bajram);
19 ottobre (Giornata di Madre Teresa);
28 ottobre (Festa dell’Indipendenza),
29 novembre (Giorno della Liberazione);
8 dicembre (Giornata della Gioventù),
25 dicembre (Natale)
31 Dicembre (Fine Anno)

Albania - Principali indirizzi utili




AMBASCIATE E CONSOLATI IN ITALIA

Ambasciata della Repubblica Albanese e Ufficio Commerciale
Via Asmara, 3-5 - 00199 Roma
Tel. +39/ 06862241; Fax: +30/ 0686224120
Numero di emergenza dell'ufficio consolare: +39 345 644 11 65
info@ambalbania.it; embassy.rome@mfa.gov.al
http://www.ambasadat.gov.al/italy/en/

Consolato Generale a Milano 
P.zza Duomo, 17 - 20121 Milano

Tel. 02/8051265 - 02/86467782 - 02/86467423
info@consolatoalbanesemilano.org
www.consolatoalbanesemilano.org/
 
AMBASCIATE E CONSOLATI IN ALBANIA
 
Ambasciata d’Italia e Cancelleria Consolare 
Rruga Papa Gjon Pali II, 2 - 1010 Tirana - Albania

Tel. +355 4 2275900; Fax +355 4 2250921
segreteriaambasciata.tirana@esteri.it
www.ambtirana.esteri.it/ambasciata_tirana
 
Scutari - Consolato 
Rruga Migjeni c/o Centro Don Bosco

Tel. +355 22 2 48260/40734; Fax +355 22 2 48286
consolato.scutari@esteri.it
www.consscutari.esteri.it
 
Valona - Consolato Generale
Ruga Ismet Cakerri, n. 45
Tel +355-332 25705/7 - Fax: +355-332 25706/9
emergenze: +355.(0)68.20.27.064
consolato.valona@esteri.it
www.consvalona.esteri.it/Consolato_Valona
 
ICE-AGENZIA
Instituti italian per tregtine e jashtme
Sheshi Skenderbej, Pallati I Kultures - 1000 Tirana - Albania
Tel +355 4 2251051/2251036; Fax +355 4 2251034
tirana@ice.it
www.ice.gov.it/paesi/europa/albania/ufficio.htm
 
CAMERE DI COMMERCIO

Camera di Commercio Italiana in Albania
Piazza Scanderbeg, Palazzo della Cultura, 1001 Tirana - Albania
Tel. +355 4 2234243; Fax +355 4 2259098
segreteria@ccia.al
www.ccia.al
 
Camera di commercio italo Albanese
Via Castellani, 31/A - 48018  Faenza (RA)
Tel +39 0546 621420 ; Fax +39 0546 621420
info@acia.it
 
MINISTERI

Ministero Affari Esteri: http://www.mfa.gov.al/
Ministero Economia, Commercio, Energia: http://www.mete.gov.al/
Ministero Finanze: http://www.minfin.gov.al/
Ministero Lavoro e Affari Sociali: http://www.mpcs.gov.al/
 
ISTITUTI E AGENZIE NAZIONALI

Ufficio delle Dogane : http://www.dogana.gov.al/
Ufficio Nazionale di Statistica : http://www.instat.gov.al/
Albanian Development Fund: www.albaniandf.org/
Agenzia Nazione Promozione degli Investimenti Esteri: http://aida.gov.al/home
Ente Regolatore Nazionale dell’Energia: http://www.ere.gov.al/
Centro Nazionale delle Licenze: http://www.qkl.gov.al/
Autorità Antitrust Albanese : http://www.caa.gov.al/
 
ORGANISMI INTERNAZIONALI

Banca Mondiale - World Bank Country Office:www.worldbank.org/
BERS (Banca Europea Ricostruzione e Sviluppo): http://www.ebrd.com/pages/country/albania.shtml
 
PRINCIPALI ISTITUTI BANCARI

Banca d’Albania : www.bankofalbania.org
Banca Commeciale (BKT): http://www.bkt.com.al
l’Associazione Albanese delle Banche: http://www.aab.al/al/