Stampa

URUGUAY



Uruguay - Informazioni Generali

 

Superficie: 176.065 km2
Popolazione: 3.432.000 milioni di abitanti (2015 – Banca Mondiale)
Capitale: Montevideo
Altre città principali: Canelones; Maldonado; Salto; Colonia; Paysandú.
Clima: Temperato
Lingua ufficiale: Spagnolo.
Moneta: La moneta del paese è il Peso Uruguayo, che è diviso in 100 centesimi.

Uruguay - Principali Indicatori Economici

 

 

2013
2014
2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $)
53.091
55.425
53.929
RNL pro capite, metodo Atlas (US $)
15.580
16.210
15.720
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $)
65.757
68.904
70.004
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($)
19.300
20.150
20.400
Quota del reddito posseduto da più del 20%
5
5
..
PIL (milioni US $)
57.531
57.236
53.443
Crescita del PIL (% annua)
4,6
3,2
1,0
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo)
8,2
9,4
8,7
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL)
8,7
7,7
7,0
Industria, valore aggiunto (% del PIL)
27,0
28,1
28,9
Servizi, ecc., valore aggiunto (% del PIL)
64,3
64,2
64,1
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL)
23,4
23,5
22,3
Importazioni di beni e servizi (% del PIL)
26,4
25,5
22,6
Investimenti lordi (% del PIL)
22,5
21,2
19,8
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL)
31,1
28,9
..
Tempo necessario per avviare un business (giorni)
6,5
6,5
6,5
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL)
35,4
35,6
36,3
Gettito fiscale (% del PIL)
19,0
18,6
..
Scambi di merci (% del PIL)
36,0
36,0
32,1
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $)
3.040
2.385
1.369
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $)
35,98
88,71
..
Fonte: World Bank - Aggiornamento 1/02/2017
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

(*) Previsioni

Crescita annuale del PIL (%)
2005 7,5
2010 7,8
2015 1
2016* 0,7
2017* 1,6
2018* 2,5
2019* 3,7

Uruguay - Prospettive future

 

La stagnazione economica ha messo in crisi molti dei progetti della nuova presidenza, in particolare il piano “Infraestructura Uruguay 2030”, ambizioso piano dal costo stimato di 12 miliardi di dollari che prevede l’ammodernamento delle infrastrutture stradali, ferroviarie e portuali del Paese nei prossimi cinque anni. Ad essere minacciata è anche la riforma del settore dell’educazione. Il Governo aveva infatti promesso di devolvere, nell’arco dei cinque anni, circa il 6% del PIL al fine di attuare una serie di riforme per promuovere la digitalizzazione dell’insegnamento e per varare una serie di borse di studio per gli studenti più meritevoli.
 
Una delle principali sfide per la nuova amministrazione nel campo delle relazioni internazionali riguarda il miglioramento del rapporto con la confinante Argentina. La rivalità tra i due Paesi è storica, e affonda le sue origini alla fondazione due porti di Montevideo e Buenos Aires. Le rivalità con l’Argentina non sono state appianate dalla comune appartenenza al Mercosur, che anzi ha esacerbato le differenze.
La situazione sembra essere cambiata con l’elezione alla Casa Rosada di Mauricio Macri, che con Tabaré Vázquez condivide l’appoggio al libero mercato. Il più recente incontro tra i due è avvenuto lo scorso gennaio, e si è celebrato in un clima cordiale e di amicizia, che potrebbe precludere a un futuro prossimo di collaborazione.
 
Il secondo tema principale è la liberalizzazione degli scambi commerciali. A causa delle sue ridotte dimensioni e della sua economia basata su prodotti per l’esportazione, l’Uruguay ha da sempre caldeggiato la liberalizzazione degli scambi commerciali e una maggiore integrazione regionale, e per questi motivi è stato uno dei membri fondatori del Mercosur. Le ambizioni del Paese sono però andate a cozzare con la svolta protezionistica imposta al blocco a partire dal 2005 dal Presidente brasiliano Lula e da quello argentino Néstor Kirchner, rinforzatasi poi con l’ingresso del Venezuela.
Durante il suo precedente mandato, Tabaré Vázquez si è scagliato con termini molto duri verso la suddetta spinta protezionistica, e ha cercato di stringere accordi di libero scambio con altri mercati. Dopo il fallimento dei negoziati per un accordo con gli USA, impopolare si tra gli abitanti dell’Uruguay che tra i membri del Frente Amplio, Tabaré Vázquez ha spinto il suo Paese verso l’Alleanza del Pacifico (AP), gruppo rivolto verso i mercati asiatici che riunisce Cile, Perù, Colombia e Messico, di cui l’Uruguay è diventato membro osservatore. Una volta ritornato al potere, Tabaré Vázquez ha ripreso la sua politica verso il Pacifico, e al contempo è tornato a caldeggiare un accordo di libero scambio tra Mercosur e Unione Europea.
Tuttavia, la travagliata situazione interna del Mercosur, colpito dalle crisi di Brasile e Venezuela, rende un tale accordo estremamente difficile da realizzare. Per quanto riguarda invece la vera ambizione di Tabaré Vázquez, ovvero l’ingresso dell’Uruguay nell’AP in qualità di membro a pieno titolo, il Presidente deve lottare contro l’opposizione dei restanti membri del Mercosur e soprattutto contro il suo stesso partito, che invece è più favorevole al rafforzamento dei legami con i Paesi del Mercosur.
In definitiva dunque, l’Uruguay si trova in una situazione difficile, dovendo affrontare una congiuntura economica sfavorevole e un panorama geopolitico incerto. Compito della nuova amministrazione sarà di quello di destreggiarsi tra questi scogli, riuscendo allo stesso tempo a non abbandonare quella spinta riformatrice che ha trasformato il piccolo Paese nel laboratorio sociale dell’America latina.

Uruguay - Settori produttivi

 

L’economia uruguayana presenta un sufficiente grado di diversificazione.
L’area circostante la capitale Montevideo è caratterizzata dal settore manifatturiero, dal commercio e dai servizi finanziari. Nella parte orientale del paese prevale il turismo, mentre all’interno le attività economiche principali sono agricoltura ed allevamento. Negli ultimi due settori si evidenzia una ulteriore specializzazione zonale: diversi prodotti agricoli a Rocha, cereali sul litorale occidentale, agrumi a Salto, attività casearie a Colonia, San José e Florida, aziende vinicole a Canalones e nel nord, allevamento nelle regioni centrali e settentrionale. Le
Con una manodopera altamente qualificata, l’Uruguay ha anche trovato una piccola nicchia nel settore software: aziende come la multinazionale indiana Tata Consulting Group hanno la propria sede centrale per il mondo ispanico a Montevideo.

Uruguay - Interscambio con l'Italia

 

Le esportazioni italiane in Uruguay nel 2016 sono ammontate a € 218,8 milioni, in aumento sul valore del 2015 del 10,9%, mentre le importazioni sono ammontate a € 216,6 milioni, in calo sul 2015 del 20,3%.
 
Il saldo della bilancia commerciale è quindi positivo per € 2,2 milioni.
 
I principali comparti produttivi dell’export sono “Medicinali e altri preparati farmaceutici” per un importo di € 84,2 milioni (+43,9%), “Altre macchine per impieghi speciali n.c.a. (incluse parti e accessori)” per un valore di € 7,2 milioni (+43,9%) e “Prodotti per toletta: profumi, cosmetici, saponi e simili” per € 7,1 milioni (0,1%).
Le principali voci merceologiche dell’import sono “Pasta-carta” per € 139,9 milioni (-20,7%), “Carne non di volatili e prodotti vari della macellazione (pellami, strutto, frattaglie ecc.)” per € 42,3 milioni (+6,8%) e “Prodotti della preparazione e filatura di fibre tessili (fili cardati, pettinati, filati di carta o cucirini ecc.)” per € 13,2 milioni (+3.1%). 
 

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Uruguay 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 132.495.041,00 € 111.655.580,00 € 143.084.403,00
Importazioni € 91.707.002,00 € 82.202.100,00 € 134.780.970,00

Uruguay - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali: 00 598 per il Paese.

Fuso orario: 3 ore indietro rispetto all’orario del meridiano di Greenwich; 4 ore indietro rispetto all’Italia (5 con l’ora legale).

Formalità valutarie: All’ingresso nel Paese occorre dichiarare alla Dogana importi di valuta pari o superiori ai 10.000 (diecimila) dollari USA. Al di sotto di questo ammontare non è prevista alcuna formalità valutaria.
Si segnala che sono molto rigidi i controlli doganali sull`importazione in Uruguay di prodotti d'origine animale o vegetale (latticini, carne, salumi, prodotti ortofrutticoli, eccetera), per i quali è necessaria la relativa documentazione sanitaria.

Documentazione necessaria per l'espatrio: Passaporto. Visto non richiesto per soggiorni per turismo non superiori a 90 giorni.

Situazione sanitaria: La qualità del servizio sanitario pubblico non è ai livelli medi europei. L'assistenza a pagamento rimane di buon livello. Il reperimento in loco di medicinali è discreto, ma a prezzi piuttosto elevati. Nonostante l'acqua di Montevideo e dei principali centri turistici sia potabile, è preferibile l`uso dell'acqua imbottigliata in commercio. Sono sconsigliati i bagni nelle spiagge della capitale.
Non vi sono particolari difficoltà per rimpatri d'emergenza, anche se non esiste un volo diretto che colleghi l'Uruguay con l'Italia; in caso d'emergenza, quindi, è necessario rivolgersi a cliniche private i cui costi, tuttavia, possono essere molto alti. E` particolarmente consigliata la sottoscrizione di un'assicurazione sanitaria con copertura internazionale che preveda anche le eventuali spese per il trasferimento aereo del malato in altro Paese.

Vaccinazioni: Obbligatorie nessuna.

Carte di credito: Tutte le principali

Patente: Italiana

Assicurazione: Consigliato il "carnet di passaggio  in dogana" (CPD) per veicoli importati temporaneamente.

Festività nazionali:
1° gennaio (Capodanno);
6 gennaio (Epifania);
2 giorni per il carnevale a febbraio;
giovedì Santo e venerdì Santo;
18 aprile (Giorno dello sbarco dei 33 patrioti);
1° maggio (Festa del Lavoro);
16 maggio (Battaglia di Las Pietras);
19 giugno (Anniversario di Artigas);
18 luglio (Anniversario della Costituzione);
25 agosto (Anniversario dell’Indipendenza);
2° novembre (Commemorazione dei defunti); 25 dicembre (Natale).

Uruguay - indirizzi utili





AMBASCIATE E CONSOLATI
 
Ambasciata dell’Uruguay e Sezione Consolare
Ambasciata d’Italia a Montevideo
www.consmontevideo.esteri.it
Instituto Italiano de Cultura de Montevideo
http://www.iicmontevideo.esteri.it/IIC_Montevideo
ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane
Per assistenza e informazioni rivolgervi all'Ufficio ICE di Buenos Aires
     
CAMERE DI COMMERCIO E ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA
 
Camara de Industrias del Uruguay
http://www.cncs.com.uy/
Camara Mercantil de Productos del País
http://www.camaramercantil.com.uy/
Unión de Exportadores del Uruguay
http://www.uruguayexporta.com
LATU (Laboratorio Tecnologico del Uruguay)
http://www.latu.org.uy/
Asociacion Rural del Uruguay
 
MINISTERI
 
Presidenza della Repubblica
Ministerio de Relaciones Exteriores
Ministerio de Economía y Finanzas
Direzione generale delle imposte (Ministero delle Finanze)
Ministerio de Ganadería, Agricultura y Pesca
Ministerio de Industria, Energía y Minería
Ministro de Transporte y Obras Públicas
Ministerio de Turismo y Deporte
Ministerio de Desarrollo Social, Unidad de Información y Comunicación
 
ISTITUTI, ENTI, AGENZIE NAZIONALI

Uruguay XXI (Istituto di promozione degli investimenti e delle esportazioni)
Direzione Generale delle Dogane
UTE (ente pubblico dell’energia elettrica)
ANTEL (ente pubblico delle telecomunicazioni)
OSE (ente pubblico delle acque e rete fognaria)
ANCAP (Amministrazione nazionale dei combustibili)
Corporación Nacional para el Desarrollo
Istituto Nazionale di Statistica
Normazione e Standardizzazione
   
ORGANISMI INTERNAZIONALI

Delegazione dell’Unione europea in Uruguay
Nazioni Unite (Programma di sviluppo per l’Uruguay)
Unesco in Uruguay
Fao in Uruguay
Banca-Interamericana di Sviluppo (IADB)
Associazione Latino-Americana di Integrazione - ALADI
Istituto Italo-Latino Americano (IILA)
 
PRINCIPALI ISTITUTI BANCARI
 
Banco Central del Uruguay
Banco de la República Oriental del Uruguay
Citibank
Banco Itaú
Nuevo Banco Comercial del Uruguay
Banco Santander
Banco BBVA Uruguay
Banco HSBC Uruguay