Stampa

ARGENTINA

 

 

Argentina - Informazioni Generali


Superficie: 2.737.000 kmq
  
Popolazione: 40.770.000 ab. (2011)
 
Capitale: Buenos Aires (18,5 milioni di abitanti inclusa la provincia).

Altre città principali:
Cordoba (3,3 milioni di abitanti),
Santa Fe (3,2 milioni di abitanti)
Mendoza (1,7 milioni di abitanti),
Tucuman (1,4 milioni di abitanti).
Clima: Varia da sub-tropicale al nord a sub-artico al sud.
 
Lingua ufficiale: Spagnolo
 
Religione: Cattolica (92%); minoranze ebraiche e protestanti.
 
Moneta ufficiale: Peso argentino (Ps) suddiviso in Centavos.

Argentina - Principali Indicatori Economici

 

 

2013
2014
2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $)
546.425
530.063
541.108
RNL pro capite, metodo Atlas (US $)
12.850
12.330
12.460
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $)
844.304
838.304
868.607
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($)
19.850
19.500
20.010
Quota del reddito posseduto da più del 20%
5
5
..
PIL (milioni US $)
554.155
529.726
583.169
Crescita del PIL (% annua)
2,3
-2,6
2,4
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo)
23,9
40,7
23,7
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL)
7,2
8,0
6,0
Industria, valore aggiunto (% del PIL)
28,5
28,7
27,8
Servizi, ecc., valore aggiunto (% del PIL)
64,3
63,4
66,2
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL)
14,6
14,3
11,1
Importazioni di beni e servizi (% del PIL)
14,7
13,9
11,9
Investimenti lordi (% del PIL)
18,2
18,6
16,9
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL)
..
..
..
Tempo necessario per avviare un business (giorni)
25
25
25
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL)
33,1
34,2
41,2
Gettito fiscale (% del PIL)
..
..
..
Scambi di merci (% del PIL)
27,1
25,2
20,0
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $)
9.822
5.065
11.979
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $)
32,5
49,19
..
Fonte: World Bank - Aggiornamento 1/02/2017
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

(*) Previsioni

Crescita annuale del PIL (%)
2005 8,9
2010 10,4
2015 2,5
2016* -2,3
2017* 2,7
2018* 3,2
2019* 3,2

Argentina - Prospettive future

 

Nel 2017 l’economia argentina dovrebbe registrare una contrazione di oltre il 2%, la produzione industriale è in caduta libera (-7% a settembre 2016, -8% in ottobre 2016), la disoccupazione ha superato il 9% e l’inflazione rimane al di sopra del 40%.
La fiducia dei consumatori sulla situazione economica è la più bassa dell’America latina, fatta eccezione per il Venezuela, da mesi sull’orlo dell’implosione. La moneta locale, il peso, ha strappato alla lira turca il triste primato della peggior performance dell’anno. Il bilancio provvisorio di Macri è insomma deludente. Il nuovo presidente ha molti alibi. Ha ereditato una situazione complessa ed è ormai accertato come molti dei dati economici diffusi dalla precedente amministrazione fossero truccati. Tuttavia, dopo un anno alla guida del paese, inizia anche ad avere delle responsabilità. Non fosse altro che per le esagerate promesse di rilancio economico che avevano caratterizzato la campagna elettorale e i primi mesi di governo e che sono state smentite dai fatti.
Macri ha aggredito pesantemente il settore pubblico a cominciare da istruzione e sanità nel tentativo di contenere la spesa pubblica nell’ottica di un approccio liberale in contrasto con il kirchnerismo. Ma se la congiuntura non cambia sarà molto difficile far accettare alla popolazione misure e riforme che non sono certo indolori.
Tra le misure più indigeste del governo c’è stata la rimozione dei sussidi alla spesa energetica. Un taglio che ha colpito non solo le famiglie ma anche le imprese, specialmente le aziende medio piccole che si sono trovate a pagare bollette sei volte più alte che in passato. Una situazione che ha causato tra l’altro tagli al personale e al costo del lavoro. Gli economisti si attendono per il 2017 una ripresa piuttosto sostenuta ma fortemente legate a dinamiche e incognite internazionali. La situazione finanziaria pare sotto controllo, le riserve di valuta estera sono tornate a crescere ma questo, almeno per ora, incide poco sullo stato dell’economia e sui conti che le famiglie devono far quadrare ogni mese.

Argentina - Settori produttivi


Il modello di sviluppo produttivo che l'economia argentina ha adottato negli ultimi anni ha privilegiato un maggior dinamismo industriale, per poter sfruttare le abbondanti risorse naturali di cui dispone il Paese; l’agricoltura e la filiera agro-alimentare sono settori produttivi di importanza storica nell’economia locale.
Il Paese è esportatore netto di greggio e gas naturale. Le industrie più importanti sono quelle dei generi alimentari, chimiche, petrolchimiche e dei veicoli a motore. Secondo l’EMI (Estimador Mensual Industrial) l’attività industriale del 2013 rispetto il 2012, ha presentato un calo del 0,2%.

L’industria argentina ha registrato, a dicembre 2013, un indice di utilizzazione degli impianti pari al 72,1%, cifra inferiore al 75,8% registrato a dicembre 2012, e sintomo quindi di un certo calo dell’attività produttiva sofferta nei vari settori durante il primo semestre del 2013.
Dal punto di vista settoriale, i comparti che hanno mostrato un maggiore utilizzo della loro capacità di produzione sono stati: raffinazione del petrolio (87,2%), prodotti chimici (82,0%), prodotti alimentari e bevande (78,8%), prodotti della gomma e plastica (77,5%), carta e cartone (76,2%), prodotti minerali non metallici (76,1%) e l’industria metalmeccanica (escluso autoveicoli) (72,5%).
Invece, i settori che hanno registrato minori livelli di utilizzo sono stati: prodotti tessili (71,8%), l’industria metallica di base (68,9%), la produzione di autoveicoli (66,3%) e tabacco (62,6%).
Nel 2013 il settore dei servizi ha contribuito alla formazione del PIL per il 61%, seguito dall’industria con il 29,7% e dall’agricoltura con il 9,3%.
Le attività economiche non sono equamente distribuite sul territorio nazionale: in meno di un quinto del Paese – il distretto federale e le province di Buenos Aires, Cordoba e Santa Fé – si concentrano il 63% della popolazione, l’80% della produzione industriale e il 92% di quella agricola.

Argentina - Interscambio con l'Italia

L’interscambio bilaterale italo-argentino, in significativo aumento fino il 2011, mostra un calo importante durante il 2012 e gli anni successivi, principalmente per una sostanziale diminuzione dell'export argentino verso l'Italia. A partire da quell'anno, si inverte il segno del saldo commerciale, dando una serie di risultati positivi per l'Italia.
L’Argentina è al 47º posto nella classifica 2015 dei paesi fornitori dell’Italia e rappresenta uno 0,4% del totale delle importazioni dell’Italia (che ha un import totale di circa 550 MLD di USD). Per contro, l’Argentina è il 19º mercato di sbocco del made in Italy e le vendite al paese dei gauchos rappresentano l’1,6% del totale delle sue esportazioni. Durante il I semestre 2016 le esportazioni argentine verso l’Italia sono state pari a 795,27 mln. di USD, con una variazione del 57,5% rispetto allo steso periodo del 2015.
Le importazioni argentine dall'Italia hanno raggiunto i 667,57 mln. di USD, con una riduzione del 3,2% rispetto al I semestre 2015.
Il saldo della bilancia commerciale in questo periodo riporta un attivo per l'Argentina di 127,7 mln. milioni di USD. La quota italiana sul totale dell’import argentino risulta pari al 2,55%.
Fonte ICE Buenos Aires

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV Tabella (Principali prodotti esportati dall'Italia) sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Argentina 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 839.966.604,00 € 780.216.382,00 € 1.156.901.132,00
Importazioni € 620.107.410,00 € 845.206.742,00 € 1.720.928.393,00

Argentina - Informazioni di viaggio


Prefissi internazionali: 0054 per il Paese; 11 Buenos Aires; 351 Cordoba; 221 La Plata; 261 Mendoza.

Fuso orario: 3 ore indietro rispetto all’orario del Meridiano di Greenwich; 4 ore indietro rispetto all’Italia (5 ore indietro con l’orario legale).

Uffici pubblici:
Da Novembre ad Aprile: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 08.00 alle ore 14.00;
Da Maggio ad Ottobre: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 12.00 alle ore 18.00;
BANCHE: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 10.00 alle ore 15.00;
UFFICI POSTALI: dal Lunedì al Venerdì dalle 8.00 alle 17.00;
NEGOZI: orario libero.

Carte di credito: Sono accettate senza particolari difficoltà le carte di credito più diffuse.
 
Cambio valuta: La “Comunicación A 5330” del 26/07/12, indirizzata agli enti finanziari e case di cambio, nel comma 3.6, stabilisce le condizioni che devono seguire i “non residenti” per l’acquisto di valuta straniera “in concetto di turismo e viaggi”. All’arrivo o durante il soggiorno, l’interessato può rivolgersi a qualsiasi banca o casa di cambio ufficiale per vendere la valuta (Euro) senza limiti quantitativi. Se volesse riacquistare successivamente Euro, deve presentare la corrispondente ricevuta emessa dall’ente di cambio dove ha venduto precedentemente la valuta all’ingresso nel Paese. In tale ultimo caso l’ammontare totale di valuta che si può riacquistare non deve superare l’equivalente di 5.000 dollari USA.
Per quanto riguarda le operazioni di cambio all’Aeroporto, è possibile acquistare pesos all’arrivo per un totale non superiore all’equivalente di 500 dollari USA al tasso di cambio ufficiale del giorno.

Documentazione necessaria per l’espatrio:
 Passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’ingresso nel Paese;
Visto non necessario per soggiorni turistici inferiori a 90 giorni.

Vaccinazioni obbligatorie: Non richieste; consigliata la vaccinazione per la febbre gialla a coloro che intendano visitare la zona delle cascate di “Iguazu”.

Situazione sanitaria: La situazione sanitaria dell’Argentina nel contesto è abbastanza soddisfacente. L’assistenza a pagamento è di buon livello. Non sono da registrare particolari vaccinazioni preventive; è consigliabile adottare le normali misure igieniche e le necessarie precauzioni sanitarie. È  vivamente auspicabile che i visitatori giungano muniti di copertura assicurativa internazionale per far fronte ad eventuali necessità sanitarie.

Assicurazione auto: Assicurazione a breve termine: il visitatore che non sia in possesso di una polizza di assicurazione valida per l’Argentina deve stipulare una assicurazione a breve termine con una compagnia locale oppure con il Touring Club Argentino.
 
Patente automobilistica: Internazionale (modello conforme alla convenzione di Ginevra 1949 oppure Vienna 1968).

Trasporti interni: La maggior parte delle autostrade sono a pagamento, che avviene in contanti oppure con carte prepagate. C'è una rete di autobus che unisce le città principali. Orari ottenibili al terminal dei pullman a B.Aires in Av.Ramos Meijia vicino alla stazione di Retiro. Metro a 5 linee (subte) a B.Aires, rapida e a buon mercato. Numerosi i bus e i treni di periferia. I taxi sono neri con tetto giallo.Il circuito di autobus di linea effettua, con regolarità e frequenza, diversi collegamenti. Per gli spostamenti a brevi distanze, è molto in uso l'utilizzo di "Radio-taxi" (diffidare di compagnie di taxi che non usano tale riconoscimento) o del cosiddetto "Remise", (taxi-noleggio)

Principali Festività:
1° Gennaio;
Venerdì santo;
1 e 25 Maggio;
10 e 20 Giugno;
9 Luglio (Festa dell’Indipendenza);
17 Agosto;
12 Ottobre;
8 e 25 Dicembre.
 

Argentina - Principali indirizzi utili




AMBASCIATE E CONSOLATI IN ITALIA
 
Ambasciata dell'Argentina in Italia
Piazza dell'Esquilino, 2 - 00185 Roma
Tel. 0648073300 - Fax 064819787 0648073331

Sezione Consolare dell'Ambasciata Argentina in Italia:
Roma - Via Veneto, 7 - Tel.: 06-42870023/42016021, Fax: 06-483586
Milano - Via Agnello,2/4 piano – Milano (20121) – centr. Tel. 02 777 294 1/02 777 294 20
 
AMBASCIATE E CONSOLATI IN ARGENTINA
 
Ambasciata d'Italia Buenos Aires
Calle Billinghurst, 2577 - 1425 Buenos Aires
Tel. (+54 11) 40112100
4011.2110 (Ambasciatore); 4011.2130 (Ufficio Commerciale)
Fax (+54 11) 40112109
 
Agenzia Consolare d’Italia a MORON
via República Oriental del Uruguay 129, CAP. 1708, Morón.
Buenos Aires - Argentina
Tel. +54 11 4489-4676 / 4629-9573 / 44891615
Fax: +0054 11 4483-1143.
Consolato Generale d’Italia a Bahia Blanca 
Avenida Colòn, 446 - 8000 Bahia Blanca mappa
Tel: +54 291 4545140/4544731; Fax: +54 291 4551633
 
Consolato Generale d’Italia in Buenos
Reconquista 572 C1003ABL - Buenos Aires
Tel: +54 11 4114 4800; Fax: +54 11 4114 4799
 
Consolato Generale d’Italia a Cordoba
Av. Velez Sarsfield 360 - 5000 Cordoba
Tel. :+54 351 5261000; Fax:+54 351 526 1010
 
Consolato Generale d’Italia a La Plata
Calle 48, n. 869 - 1900 La Plata (Buenos Aires)
Tel. +54 221 4106000 ; Fax : +54 221 5218828
 
Consolato d’Italia a Mar del Plata
Falucho 1416 - 7600 Mar del Plata - Pcia Bs As - Argentina
Tel. :+54 223 4517703; Fax: +54 223 4518623
 
Consolato d’Italia a Mendoza
Calle Necochea n. 712 - 5500 Mendoza
Tel.: +54 261 5201400 ;Fax: +54 261 5201401
 
Consolato Generale d'Italia a Rosario
Montevideo 2182 (Montevideo e Oroño)
(S2000BSR) Rosario (Santa Fe)
Tel. +54 0341-4407020/21/22; Fax +54 0341-4258189
 
ICE-Agenzia
Instituto Italiano de Comercio Exterior - Entidad de Gobierno
Avenida dl Libertador 1068 Piso 10 B - C1112ABN - Buenos Aires
Tel.: +5411 48071414 ; Fax: +5411) 48021876
 
CAMERE DI COMMERCIO
 
Camera di commercio Italo-Argentina
Via Cimarosa, 13 - 00198 Roma (RM)
Tel +39 06 8558140 - Fax +39 06 85351514
Sede operativa di Faenza
via Pasolini, 12 - 48018- Faenza (RA)
Tel +39 0546 643824 - Fax +39 0546 693014
Sede operativa di Vinci
viale Togliatti,108 - 50059 Vinci (FI)
Tel +39 0571 1600107 - Fax +39 0571 1600106
 
Camera di Commercio Italiana di Cordoba: www.camitcor.com.ar  
Camera di Commercio Italiana di Mendoza: http://www.ccimendoza.com.ar/
Camera di Commercio Italiana di Rosario: www.ccir.com.ar
Camera di Commercio italiana nella Repubblica Argentina: www.ccibaires.com.ar  
Cámara de Comercio, Industria y Producción de la República Argentina: www.cacipra.org.ar
Cámara de Exportadores de la República Argentina: www.cera.org.ar
Cámara de Importadores de la República Argentina: www.cira.org.ar
 
MINISTERI
 
Ministerio de Relaciones Exteriores y Culto: http://www.mrecic.gov.ar/
Ministerio de Economía y Finanzas Públicas: www.mecon.gov.ar
Ministerio de Industria - Secretaría Comercio: http://www.comercio.gov.ar/web/index.php
Gendarmería Nacional Argentina (Ministerio del seguridad): http://www.gendarmeria.gov.ar
Ministerio Planificación Federal, Inversión Pública: http://www.minplan.gov.ar/contenidos/home.html
 
ISTITUTI, ENTI, AGENZIE NAZIONALI
 
Asociación de Importadores y Exportadores de la República Argentina: www.aiera.org 
Asociación Dirigentes de Empresas: www.adesantafe.org.ar 
Consejo Argentino de Productores: http://www.el-cap.com.ar/index.html
Consejo Federal de Inversiones: www.cfired.org.ar
Fundación ExportA: www.exportar.org.ar
(Agenzia per la promozione delle esportazioni dell’ Argentina) 
Fundación Invertir (FIA): www.invertir.com
(Agenzia per l’attrazione degli investimenti esteri)
Unión Industrial Argentina – UIA: www.uia.org.ar
Ufficio delle Dogane: http://www.dian.gov.co/
Istituto Nazionale di Statistica – INDEC: http://www.indec.mecon.ar/default.htm
Istituto argentino di normazione e certificazione – iram: http://www.iram.com.ar/
Informazioni di viaggio: http://www.inargentinatourism.com.ar/
 
ORGANISMI INTERNAZIONALI
 
Delegazione dell’Unione europea in Argentina
Ayacucho 1537 - C1112AAA Buenos Aires
Tel.: +54 11 4805 3759; Fax: +54 11 4801 1594
 
PRINCIPALI ISTITUTI BANCARI

Banco Central de la República Argentina (BCRA) - Buenos Aires: www.bcra.gov.ar
Banco Ciudad de Buenos Aires: www.bancociudad.com.ar
Banco de la Nación Argentina: www.bna.com.ar
Banco Santander Río: www.santanderrio.com.ar