Stampa

ALGERIA






Algeria - Informazioni Generali

 

L'Algeria è uno stato dell'Africa del nord appartenente al Maghreb, parzialmente occupato dal deserto del Sahara. Secondo paese del continente per superficie, confina a nord con il mar Mediterraneo, mentre le frontiere terrestri si dividono con la Tunisia a nord est, Libia a est, Niger a sud est, Mali e Mauritania a sud ovest, Sahara occidentale, per terminare con il Marocco ad ovest.
 
Superficie: 2.381.741 Km2
Capitale: Algeri (inclusa area metropolitana, 4.825.000 abitanti)

Altre città principali
Setif (1.335.000 ab.)
Orano (1.150.000 ab.)
Constantine (810.000 ab.)
Annaba (580.000 ab.)
Tizi Ouzou (350.000 ab.)
Sidi Bel Abbas (154.745 ab.)
Blida (131.615 ab.)
 
Popolazione: 39.500.000 abitanti – gennaio 2015 (densità 16,6 abitanti per Km2).
 
Clima: Temperato sulla costa, caldo e secco nel sud. Mese più caldo, agosto, 22-29°C; mese più freddo, gennaio, 9-15°C (media giornaliera minimo e massimo).
 
Lingua: La lingua ufficiale del paese è l’arabo; utilizzati il berbero (Tamazight) e il francese.
 
Religione: Musulmani (99,5%); Cattolici (0,1%). Vi sono minoranze di ibaditi, musulmani scismatici di ceppo berbero, e di mozabiti.
 
Moneta: L’unità monetaria è il Dinaro Algerino (AD), DZD, diviso in 100 centimes o 20 douros. Dal settembre 1994 è stato adottato per la moneta algerina un cambio flessibile basato sulle quotazioni di mercato. Successivamente invece il tasso ufficiale di cambio è stato basato su una relazione fissa tra il dinaro ed un paniere di monete.
L’attuale tasso di cambio è di 109 DA per 1 Euro e di 99,3 DA per 1 Dollaro USA.

Algeria - Principali Indicatori Economici

 


2011a
2012a
2013a
2014b
2015c
2016c
PIL
PIL nominale in (miliardi di US$)
199,2
207,8
208,8
218,1
189,5
200,5
PIL nominale (miliardi di AD)
14.527
16.115
16.569
17.575
18.616
20.315
Crescita reale del PIL (%)
2,8
3,3
2,8
2,9
2,6
2,9
Spesa sul PIL (% reale)
Consumi privati
6,0b
5,0b
5,0b
5,2
2,5
2,7
Consumi pubblici
9,8b
2,8b
0,8b
9,5
4,2
4,0
Investimenti lordi fissi
2,9b
7,2b
8,6b
7,0
5,0
5,3
Export di beni e servizi
-2,7b
-3,8b
-5,8b
-1,6
-1,1
0,4
Import di beni e servizi
-4,6b
13,9b
9,8b
2,2
1,5
2,5
Origine del PIL (% reale)
Agricoltura
10,3
7,2b
8,8b
-1,8
5,4
2,0
Industria
2,6
3,3
2,3
3,1
0,4
2,3
Servizi
-0,2
1,7b
-0,5b
4,5
4,5
3,9
Demografia e reddito
Popolazione (m)
36,7
37,5
38,3
39,1a
40,0
40,8
PIL pro-capite (US$ a PPP)
12.978
13.578
13.545
13.849
13.893
14.246
Tasso di disoccupazione (media;%)
10,0
11,0
9,8
10,6a
11,0
10,7
Indicatori fiscali (% del PIL)
Bilancio del Governo centrale
-0,4
-4,0
-0,9
-7,2
-9,8
-8,3
Pagamenti interessi del debito del settore pubblico
0,3
0,3
0,3
0,2
0,1
0,2
Debito pubblico netto
8,4
8,1
7,9
10,3
12,0
14,7
Prezzi e indicatori finanziari
Tasso di cambio AD-US$ (media)
72,94
77,54
79,37
80,58a
98,24
101,30
Tasso di cambio AD-€ (media)
101,51
99,68
105,41
107,08a
105,41
98,77
Prezzi al consumo (media;%)
4,5
8,9
3,3
2,9a
5,1
4,6
Tasso di interesse di prestito (fine periodo; %)
8,0
8,0
8,0
8,0a
8,0
8,0
Conto corrente (US$ m)
Bilancia commerciale
25.961
20.167
9.384
592a
-17.197
-14.349
Merci: export fob
72.888
71.736
64.377
60.032a
37.689
42.092
Merci: import fob
-46.927
-51.569
-54.993
-59.440a
-54.886
-56.442
Bilancia dei servizi
-8.805
-7.006
-6.825
-8.12
-6.718
-6.922
Bilancia dei redditi
-2.039
-3.906
-4.514
-4.88
-3.616
-4.094
Bilancia dei trasferimenti di conto
2.649
3.163
2.786
3.3
3.044
3.422
Bilancia in conto corrente
17.766
12.418
831
-9.108
-24.488
-21.944
Debito estero (US$ m)
Stock di debito
6.045
5.495
5.231
4.702
3.98
3.936
Servizio del debito pagato
639
865
532
487
404
305
Rimborsi di capitale
536
742
459
409
333
251
Interesse
104
123
73
79
71
54
Servizio del debito dovuto
639
865
532
487
404
305
Riserve internazionali (US$ m)
Totale delle Riserve internazionali
183.122
191.597
195.013
179.901a
149.853
132.381
a Attuale; b Stime EIU; c Previsioni EIU.
Fonte: IMF, International Financial Statistics. Banca d’Algeria Agg. 11 Agosto 2015

Algeria - Prospettive future

 

La strategia industriale messa in atto dal Governo sembra aver puntato sulla ristrutturazione di alcune "imprese pubbliche strategiche” (i cosiddetti "champions nationaux”) al fine di renderle più competitive, anche sfruttando alcune partnership internazionali. Tra i settori interessati: l’automotive, l’elettronica, la farmaceutica e la meccanica.

Il nuovo programma quinquennale 2015-2019 prevede una spesa di circa $ 266 miliardi e darà priorità ai settori: energia, agricoltura, turismo e industria. Per il completamento e la realizzazione di grandi progetti infrastrutturali è previsto uno stanziamento di $ 130 miliardi, in continuità con il precedente programma di sviluppo economico e sociale. Gli interventi mirano soprattutto all’ammodernamento degli impianti portuali, all’estensione e miglioramento della rete ferroviaria e al rafforzamento della rete stradale. Riguardo a quest’ultimo settore è previsto l’inizio dei lavori per l'autostrada degli altopiani e per le penetranti che collegheranno i principali porti del Paese all'autostrada est-ovest.

Nel settore energetico, il piano quinquennale di sviluppo 2015-2019 prevede la realizzazione di una rete di centrali ad alta tecnologia, che, una volta a regime, erogheranno oltre 8000 MW, coprendo una consistente porzione della domanda nazionale. Nell’estate 2014 la domanda domestica di energia elettrica ha registrato aumenti consistenti, anche tra il 15 ed il 20%, rispetto allo stesso periodo del 2013. La realizzazione di una prima centrale per la produzione di energia elettrica, di una capacità di erogazione di 1.460 MW, è iniziata nella provincia di Mostagem. Altre centrali saranno realizzate a Jijel, Ain Oussara (nella provincia di Djelfa), Naama, Biskra e Khenchela.

Il rilancio degli investimenti nel settore degli idrocarburi, in particolare nell'attività di esplorazione anche di giacimenti non convenzionali, è una delle priorità strategiche del paese. A tale scopo, nel gennaio 2013 è stata approvata una modifica alla legge sugli idrocarburi, che ha introdotto un regime fiscale più vantaggioso per gli investitori esteri.

Algeria - Settori produttivi

 

L’Algeria, secondo Paese per estensione dell’Africa subcontinentale e che si estende per quattro quinti nel deserto del Sahara, registra un'ampia concentrazione della popolazione nell’area Settentrionale e principalmente lungo la costa del Mediterraneo, dove sorgono le due principali città, la capitale Algeri e Orano.
Alla fine degli anni ’90, circa il 60% della popolazione risultava stabilita nelle aree urbane.
L’economia algerina si basa attualmente sulla produzione e la lavorazione di idrocarburi (gas naturale e petrolio); i giacimenti di gas naturale rappresentano un’entrata fissa e costante del bilancio del Paese nel lungo periodo.
L’agricoltura occupa ancora gran parte della popolazione attiva, e il Governo si sta impegnando affinché questo settore, fortemente radicato nella cultura del Paese, possa aumentare la propria produttività.
Nell’industria prevale il settore manifatturiero e quello della lavorazione delle materie prime.
Il settore dei servizi è in espansione e rappresenta circa il 29% del PIL. La Pubblica Amministrazione contribuisce alla crescita totale per circa il 9,0% del Prodotto Interno Lordo.
Lo sviluppo del settore privato in Algeria è stato invece fortemente frenato dai problemi di sicurezza degli anni recenti, ma anche dal cattivo stato dei servizi finanziari del Paese e dall’eccessiva burocrazia. In aggiunta, il sistema regolamentare rimane ancora inadeguato e l’intermediazione finanziaria debole. Il governo è impegnato nell’affrontare tali problemi nonostante i progressi siano ancora lenti.
 
Il contributo alla formazione del Pil è rispettivamente del 9 % da parte del settore agricoltura e pesca, del 62 % per l'industria e del 29% per i servizi.
L’Algeria è uno dei principali produttori ed esportatori di petrolio e gas del continente africano e dispone di significative risorse energetiche. Petrolio e gas contribuiscono a circa il 36% del PIL, al 60% degli introiti governativi ed al 95% delle esportazioni. La produzione di petrolio è di circa 1,8 milioni di barili complessivi al giorno, dei quali 1,5 sono esportati, principalmente verso l’Europa. Per quanto riguarda il gas l’Algeria è il secondo produttore africano dietro la Nigeria ed il terzo fornitore dell’Europa, in particolare di Italia e Francia.
Il paese è ricco di altri minerali come ferro, piombo, zinco, rame, mercurio, lignite, fosfati; oltre a carbone, pirite di ferro, manganese, uranio. Sono presenti centinaia di cave per l'estrazione di marmi e onice e le coste garantiscono una buona produzione di sale.
L’agricoltura riesce a soddisfare solo parzialmente il fabbisogno alimentare nazionale. Le principali coltivazioni forniscono grano, orzo, avena, patate, olive, uva, arance e datteri. La pesca è in crescita mentre l’allevamento è poco sfruttato. I principali partner commerciali sono Stati Uniti, Spagna, Francia, Canada e Italia.

Algeria - Interscambio con l'Italia

 

Le relazioni economiche bilaterali rimangono molto solide: oltre allo storico rapporto energetico, che si è evoluto e diversificato nel corso dei decenni, l’Italia nel tempo ha consolidato una posizione preminente tra i principali partner commerciali dell’Algeria.
Considerata l’entità degli investimenti previsti nel piano quinquennale 2015-2019, molti sono i margini d’intervento per le imprese italiane, che potrebbero essere ampiamente coinvolte nel processo di costruzione e modernizzazione del paese.
Fra i comparti prioritari si segnalano i beni strumentali: dalle macchine utensili in generale alla siderurgia, da quelle per l’industria alimentare, all’edilizia, agli impianti per l’energia e al settore agricolo; altre voci importanti sono i semilavorati e i beni di consumo.
L’Italia si colloca tra i paesi concorrenti in una posizione primaria con volumi di export importanti.

Nel 2014 le importazioni algerine dall’Italia si sono confermate a un livello leggermente superiore a quello del 2013, Euro 4,3 miliardi, mentre le esportazioni verso il nostro paese sono diminuite del 39%. Di conseguenza il saldo commerciale algerino è negativo per un importo di circa 500 milioni di Euro.

Nel primo trimestre del 2015 tale andamento è confermato da un aumento più sostenuto delle importazioni algerine di prodotti italiani, + 21 % e da un ulteriore calo delle esportazioni verso il nostro paese, -34 %. Rispetto al 2010, le importazioni algerine dall’Italia sono aumentate del 66% mentre le vendite verso il nostro paese sono diminuite del 48%.
Il calo delle esportazioni algerine è costituito per la quasi totalità dal calo delle vendite all’Italia di gas naturale e petrolio greggio.
Tra i principali prodotti di provenienza italiana acquistati dall’Algeria si confermano i metalli; si registra poi un aumento degli acquisti di macchine di impiego generale e speciale e di aeromobili e un calo degli acquisti di prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio e di navi e imbarcazioni.
Gli ultimi dati disponibili registrano nel 2011 4.037 imprese italiane esportatrici verso l'Algeria (+5% rispetto al 2010) con un valore medio delle esportazioni per operatore di 736.000 € contro 730.000 € nel 2010 e 598.000 € nel 2009. Circa 180 imprese italiane sono insediate in Algeria.

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Algeria 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 3.283.754.290,00 € 3.128.813.068,00 € 3.258.119.908,00
Importazioni € 4.503.274.840,00 € 8.926.798.338,00 € 11.967.490.806,00

Algeria - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali
00 213 prefisso per il Paese;
21 Algeri;
03 Orano;
38 Annaba

Settimana lavorativa
UFFICI: dal Sabato al Mercoledì dalle ore 8.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.00 alle ore 17.30; Giovedì è giorno semi-festivo e sono chiusi gli uffici pubblici; altri uffici il giovedì lavorano dalle ore 8.00 alle ore 12.00.
BANCHE: da Domenica a Giovedì dalle ore 8.00 alle ore 15.00.
NEGOZI: da Sabato a Giovedì dalle ore 8.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.00 alle ore 18.00.
Il venerdì è giorno festivo. A differenza degli altri uffici, le banche sono aperte il giovedì e chiuse il sabato. I negozi di generi alimentari sono di norma aperti sette giorni su sette.

Fuso orario
1 ora avanti rispetto all’orario del meridiano di Greenwich; lo stesso orario in Italia (1 ora indietro con l’orario legale).

Documenti
Per l’ingresso nel Paese è necessario il passaporto in corso di validità ed il visto consolare. E` richiesta la compilazione, a bordo dell`aereo o della nave, di un modulo recante dati anagrafici e recapiti, che è ritirato dalla polizia di frontiera.
 
Carte di credito
I Traveller’s chèque e le carte di credito sono accettate solo in alcune aree urbane. Attualmente il governo stabilisce che gli stranieri che entrano in Algeria debbano cambiare 200 US$ in valuta locale. In entrata è necessaria la dichiarazione del totale della valuta estera introdotta. In uscita occorre mostrare la dichiarazione e presentare la relativa documentazione delle spese sostenute (fattura alberghiera ecc.).
Si consiglia di attenersi strettamente alle disposizioni valutarie e alle formalità previste.

Documenti Auto
Patente internazionale (modello Convenzione di Ginevra 1949 oppure Vienna 1968) o patente nazionale accompagnata da traduzione in francese convalidata da una Rappresentanza Diplomatica algerina.
Per l’Assicurazione: Polizza da stipulare in frontiera.

Festività nazionali
1° gennaio (Primo dell’Anno);
1° maggio (Giornata dei Lavoratori);
19 giugno (Festa Nazionale);
5 luglio (Giorno dell’Indipendenza);
1° novembre (Anniversario della Rivoluzione).
 
A queste vanno aggiunte le festività islamiche, variabili secondo il calendario lunare. Dal momento che il calendario lunare Hijra è più corto di 11 giorni rispetto al calendario Gregoriano, ogni anno le feste islamiche cadono approssimativamente 11 giorni prima dell’anno precedente. Le date precise sono comunque conosciute solo poco prima della loro celebrazione, dal momento che dipendono dalle fasi lunari. Le principali feste islamiche sono: Eid al Fitr anche conosciuta come al-Eid al-Sagheer – 3 giorni di celebrazioni che segnano la fine del Ramadan-mese del digiuno; Eid Al-Adha, comunemente conosciuta come al-Eid al-Kabeer - la grande festa che commemora l’offerta del profeta Abramo per il sacrificio e che dura quattro giorni alla fine del mese del Hajj -pellegrinaggio alla Mecca; Hijra New Year – Nuovo Anno Islamico; Mawlid al-Nabi - Anniversario della nascita del profeta Maometto; al-Isrŕwŕal Mi`raj – la festa che celebra la visita notturna del Profeta Maometto in paradiso.

Algeria - Principali indirizzi utili




AMBASCIATE E CONSOLATI IN ITALIA
 
Ambasciata d’Algeria  
Via Bartolomeo Eustachio , 12 – 00161 Roma
Tel. +39 0644202546 / +39 0644202533 / +39 0644236843
Fax +39 0644292744
Sezione Consolare Via Barnaba Oriani, 26 - 00197 Roma
Tel. +39 068084141 / +39 068084142;Fax +39 0680660498
 
Consolato Generale  
Via Rovello, 7/11 – 20121 Milano
Tel. +39 02 72080603/ +39 02 72080595; Fax +39 02 89015912
Affari giuridici e Sociali:sajs@consulatgeneralalgeriemilan.it
 
AMBASCIATE E CONSOLATI IN ALGERIA

Ambasciata d’Italia  
18, Rue Ouidir Amellal (ex Finalteri)
El Biar 16030 - Algeri
Tel. +213 21 922330/922550; Fax +213 21 925986
 
ICE –Agenzia 
24, Chemin Cheikh Bachir El- Ibrahimi El-Biar - 16030 ALGER
Tel. +21321 921575/921579 / 921590 - Fax: +21321 921577
 
CAMERE DI COMMERCIO

Camera di Commercio italo-araba
Camera Algerina di commercio e industria (CACI)
Camera di commercio e industria di Aures
Camera di commercio e industria la Tafna
Camera di commercio e industria di Beni-Chougrane
Camera di commercio e industria del Dahra
 
MINISTERI

Ministero degli Affari Esteri:www.mae.dz
Ministero delle Finanze:http://www.mf.gov.dz
Ministero dell’agricoltura e dello sviluppo rurale:http://www.minagri.dz/
Ministero dei lavori pubblici:http://www.mtp.gov.dz/fr/
Ministero dell’Energia e Miniere:http://www.mem-algeria.org/francais/index.php
Ministero dell’economia delle Finanze e dell’Industria
http://www.pme.gouv.fr/index.php:Ministero delle Finanze
Direzione Generale Dogane:http://www.douane.gov.dz/
 
ISTITUTI E AGENZIE NAZIONALI

Agenzia Nazionale per lo Sviluppo e gli Investimenti
Associazione Nazionale Algerina Managers e Imprenditori
Confédération Algérienne du Patronat (CAP)
Confédération Générale des Entreprises Algériennes
Istituto Nazionale per la Normalizzazione
ARTP - Autorità di regolamentazione delle Poste e Telecomunicazioni
Istituto per la Normalizzazione
Istituto nazionale per la proprietà industriale
Ufficio Nazionale di Statistica
Informazioni di Viaggio
WTCA - World Trade Center Algeria
Gazzetta Ufficiale
Sonatrach – Compagnia Idrocarburi in Algeria e in Africa
 
ORGANISMI INTERNAZIONALI

Delegazione Unione Europea in Algeria
 
PRINCIPALI ISTITUTI BANCARI

Banca d’Algeria
Banca algerina per il commercio estero
Banque Al Baraka d'Algérie
Société Générale
Banque Extérieure d’Algérie « B E A »
Banque Nationale d'Algerie
Banque de Développement Local