Stampa

BOLIVIA

 

 

Bolivia - Localizzazione

 

Bolivia - Informazioni Generali

 

Superficie: 1.100.000 Km2
Popolazione: 10.56 milioni di abitanti (2014 – Banca Mondiale).

Capitale costituzionale dello stato: Sucre
Capitale governativa: La Paz

Altre città principali: Santa Cruz; El Alto; Cochabamba; Oruro; Tarija; Potosì

Clima: Tropicale al di sotto dei 1.500 metri, freddo al di sopra dei 3.500m.
Lingua ufficiale: Spagnolo, parlato dall’87% della popolazione. Sono diffuse in parte della popolazione le lingue native Quechua (34%) e Aymará (24%).
Religione: Cattolica (94%); minoranze protestanti ed animiste.
Moneta ufficiale: il Boliviano ripartito in 100 centavos.

Bolivia - Principali Indicatori Economici

 


2012a
2013a
2014a
2015b
2016c
2017c
PIL
PIL nominale in (milioni di US$)
27.084
30.659
32.996
35.869
38.515
40.846
PIL nominale (milioni di Bs)
187.154
211.856
228.004
247.852
269.212
294.125
Crescita reale del PIL (%)
5,1
6,8
5,5
4,3
3,9
4,0
Spesa sul PIL (% reale)
Consumi privati
4,6
5,9
5,4
4,8
4,4
4,0
Consumi pubblici
4,9
9,3
6,7
6,9
5,0
4,5
Investimenti lordi fissi
2,5
11,7
9,9
3,3
3,0
3,5
Export di beni e servizi
13,3
4,1
10,9
0,1
1,3
3,0
Import di beni e servizi
4,3
8,2
15,1
0,7
2,4
3,3
Origine del PIL (% reale)
Agricoltura
4,1
4,7
3,8
4,6
3,8
5,0
Industria
5,2
7,5
5,2
3,6
4,4
4,0
Servizi
5,3
6,3
5,5
5,7
3,4
4,5
Demografia e reddito
Popolazione (m)
10,5
10,7
10,9
11,0
11,2
11,4
PIL pro-capite (US$ a PPA)
5.768
6.147
6.217
6.378
6.624
6.926
Tasso di disoccupazione (media;%)
7.5b
7.4b
7.3b
7.4
7.5
7.6
Indicatori fiscali (% del PIL)
Bilancio settore pubblico
1,8
0,6
-3,4b
-4,9
-2,4
-1,9
Pagamenti di interessi del debito del settore pubblico
1,0
0,7
0,8b
1,0
1,2
1,3
Saldo primario del settore pubblico
2,8
1,3
-2,5b
-3,9
-1,2
-0,6
Debito pubblico netto
33,5
35,3
35,8b
37,5
44,0
47,4
Prezzi e indicatori finanziari
Tasso di cambio Bs- US$ (media)
6,91
6,91
6,91
6,91
6,99
7,20
Tasso di cambio Bs - US$ (fine periodo)
6,91
6,91
6,91
6,91
7,08
7,30
Prezzi al consumo (fine periodo;%)
4,5
6,5
5,2
4,0
4,9
4,9
Tasso di interesse di prestito (media;%)
11,1
11,1
9,7
8,5
9,0
9,0
Conto corrente (US$ m)
Bilancia commerciale
3.135
2.81
2.213
-690
-295
-71
Merci: export fob
11.133
11.539
12.147
9.744
10.45
11.384
Merci: import fob
-7.998
-8.729
-9.935
-10.434
-10.745
-11.455
Bilancia dei servizi
-796
-1.118
-1.706
-613
-550
-439
Bilancia dei redditi
-1.629
-1.908
-1.707
-1.414
-1.535
-1.672
Bilancia dei trasferimenti unilaterali
(aiuti umanitari, aiuti comunitari, etc.);
1.26
1.27
1.184
1.35
1.427
1.513
Bilancia in conto corrente
1.97
1.054
-16
-1.367
-953
-669
Debito estero (US$ m)
Stock di debito
6.905
7.895
8.228b
8.935
11.718
13.399
Servizio del debito pagato
619
557
749b
807
898
992
Rimborsi di capitale
516
421
580b
635
723
812
Interesse
102
135
169b
172
175
181
Riserve internazionali (US$ m)
Totale delle Riserve internazionali
13.927
14.43
15.123
14.683
14.583
14.623
A Attuale; b Stime EIU; c Previsioni EIU.
Fonte: IMF, International Financial Statistics. Agg. 10 Novembre 2015

Bolivia - Prospettive future

 

Il governo boliviano ha pianificato di destinare 8,2 miliardi di dollari agli investimenti pubblici nel 2016. Lo ha annunciato il presidente Evo Morales, sottolineando che ci sarà un miliardo in più rispetto a quest’anno nonostante ci sia stato un calo di guadagni dalle esportazioni di gas. Il capo dello stato, ha voluto confermare che nel prossimo futuro questi investimenti continueranno, anche se ci saranno ulteriori diminuzioni del prezzo del gas (esportato principalmente in Argentina e Brasile), dovute al crollo del petrolio. Inoltre, Morales ha ricordato che quando è stato eletto ed ha assunto la presidenza della Bolivia per la prima volta (2005) i fondi per gli investimenti erano solo 600 milioni. Durante il suo mandato li ha incrementati gradualmente fino ad arrivare ai circa 7,2 miliardi nel 2015 e ha istituito una serie di meccanismi e controlli per verificare che le risorse non siano distratte e vengano impiegate correttamente. La maggior parte dei fondi per l’anno prossimo, comunque, arrivano dalla Cina. La scorsa settimana, infatti, Morales ha annunciato che la Bolivia ha ottenuto da Pechino un prestito da sette miliardi di dollari per finanziare progetti infrastrutturali ed energetici.

Bolivia - Settori produttivi

 

Dai mutamenti e dagli shock che hanno scosso l’economia della Bolivia a partire dagli anni Ottanta ad oggi - con il profondo processo di ristrutturazione economica, la necessaria ricollocazione delle risorse produttive, la migrazione interna della forza lavoro - è emersa una nuova configurazione geo-economica del Paese. Da una parte, le pianure orientali hanno sviluppato un’agricoltura avanzata ed un trainante settore industriale legato agli idrocarburi; dall’altra, gli altopiani occidentali sono usciti dal processo di ammodernamento profondamente impoveriti e colpiti da gravi arretratezze tecnologiche. I lavoratori sono emigrati in massa dai depressi centri minerari degli altopiani verso le città, in particolare Santa Cruz, Cochabamba ed El Alto, o verso le aree del Chapare dove si coltiva la coca, incrementando il numero di lavoratoti illegali diffusi nel Paese.
L’economia boliviana è basata sui settori agricolo, petrolifero, del gas e minerario, i quali hanno beneficiato del recente innalzamento dei prezzi mondiali e di un incremento della capacità produttiva. La maggior parte delle industrie manifatturiere sono organizzate con un alto impiego di manodopera, su piccola scala e orientate in gran parte verso i mercati regionali. Nello stesso anno la quota di partecipazione al PIL del settore minerario era del 5,8%.
Nonostante il recente trend positivo, il settore dei servizi negli ultimi anni è stato caratterizzato da una costante diminuzione del suo apporto al PIL.

Bolivia - Interscambio con l'Italia

 

L’export italiano è cresciuto regolarmente negli ultimi cinque anni, passando da un livello di circa EUR 22 milioni nel 2007 a uno di 100 nel 2014 (+2,6% rispetto al 2013). Le importazioni sono passate da circa EUR 31 milioni a circa EUR 53 milioni. Il saldo è quindi cresciuto (EUR 47 milioni a favore dell’Italia nel 2014). Settori di maggior rilevanza per l’export italiano sono quello dei macchinari (69,8%) e delle apparecchiature elettriche (7,9%), seguiti dai mezzi di trasporto (4,3%) e prodotti in metallo (3,9%). L’Italia importa principalmente prodotti tessili (61,3%) e agricoli (12,7%). Nei primi tre mesi del 2015 l’export è aumentato del 50% mentre l’import è cresciuto del 31%, rispettivamente pari ad un valore di circa EUR 21,6 e 19,6 milioni.

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT. 

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Bolivia 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 75.437.874,00 € 67.781.715,00 € 62.630.417,00
Importazioni € 13.573.633,00 € 9.548.018,00 € 36.805.878,00

Bolivia - Informazioni di viaggio

 

Prefisso internazionale:
00 591 per il Paese;
42 Cochabamba;
2 La Paz;
3 Santa Cruz;
64 Sucre.

Fuso orario: 4 ore indietro rispetto all’orario del meridiano di Greenwich; 5 ore indietro rispetto all’Italia (6 ore indietro con l’orario legale).
Passaporto: necessario, con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell'ingresso; necessario biglietto di andata e ritorno.

Visto di ingresso: non necessario, fino a tre mesi di permanenza nel Paese. Poiché, generalmente, le Autorità di frontiera, in mancanza di indicazioni diverse da parte del turista, appongono un timbro per un  soggiorno di 30 giorni, si raccomanda a coloro che intendano soggiornare oltre i 30 giorni ma non oltre i 90 giorni, di dichiararlo al momento dell’ingresso alle suddette Autorità.

Settimana lavorativa:
BANCHE: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 18.30
SETTORE PRIVATO: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 18.30
SETTORE PUBBLICO: dal Lunedì al Venerdì dalle 8.00 alle 16.00 orario continuato

Valuta: La valuta ufficiale è il Boliviano, che viene suddiviso in 100 Centavos. Si trovano banconote da 5, 10, 20, 50, 100 e 200 boliviani e monete da 2, 5, 10, 20, 50 centavos e da 1 boliviano. Il tasso applicato per l’operazione di cambio della valuta generalmente cambia da una località all’altra ed è inferiore nelle zone di confine. E’ possibile pagare in US$. Va dichiarato alla dogana l’ingresso di valuta superiore a 10 mila dollari americani (o equivalente in altra moneta).

Carte di credito: i migliori alberghi, ristoranti e negozi accettano le carte di credito più diffuse e i traveller’s cheque.

Patente: Internazionale modello Convenzione di Ginevra 1949.

Festività nazionali: 2015
01 Gennaio Capodanno
22 Gennaio Giorno della Fondazione della Bolivia
16 Febbraio Carnevale
17 Febbraio Carnevale
03 Aprile Venerdì Santo
01 Maggio Festa del Lavoro
04 Giugno Corpus Cristi
16 Luglio Festa della città di La Paz (festa regionale)
06 Agosto Festa dell'Indipendenza
24 Settembre Festa città di Santa Cruz (festa regionale)
02 Novembre Giorno dei Defunti
25 Dicembre Natale

Bolivia - Principali indirizzi utili





AMBASCIATE E CONSOLATI IN ITALIA
Ambasciata di Bolivia in Italia

AMBASCIATE E CONSOLATI IN BOLIVIA
Ambasciata d'Italia in Bolivia

ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane
Instituto Italiano para el Comercio Exterior
Per i servizi su questo mercato rivolgersi all'ufficio Ice di: Santiago del Cile
 
CAMERE DI COMMERCIO

Càmara Nacional de Comercio
Cámara Nacional de Industrias

MINISTERI

Ministero dell’economia e della finanza pubblica
Ministero degli Affari Esteri
Ministero dell’Ambiente
Ministero di pianificazione allo sviluppo
Ministero Idrocarburi ed Energia
Ministero delle Miniere e Mettallurgia
Vice Ministero dell’Investimento Pubblico e Finanziamento Esterno VIPFE
 
ISTITUTI, ENTI, AGENZIE NAZIONALI

Promueve Bolivia
Fundación AGRECOL
ExportaPymes - Centro para la Internacionalization de las Pymes
Autoridad de Supervisión del Sistema Financiero de Bolivia (ASFI)
Istituto Italo-Latino Americano (IILA)
IBNORCA – Istituto boliviano di normazione e certificazione
Dogana nazionale della Bolivia
Istituto Nazionale di Statistica – INE
BoliviaContact
SICOES (Sistema di Contrattazioni dello Stato)
FUNDEMPRESA

ORGANISMI INTERNAZIONALI

Inter-American Development Bank
Delegazione dell’Unione Europea in Bolivia
 
PRINCIPALI ISTITUTI BANCARI

Autorità del Sistema Finanziario ASFI
ASOBAN (Associazione delle Banche Private della Bolivia)
Bolsa Boliviana de Valores S.A
Banco Central de Bolivia
Bancosol
Banco economico
Banco Mercantil Santa Cruz
Banco de Crédito BCP
Banco Los Andes ProCredit Bolivia
Banco Bisa
BancoUnion
Banco Nacional de Bolivia – BNB
Banco Ganadero