Stampa

CROAZIA



Croazia - Informazioni Generali

 

Superficie: 56 542 km2
Popolazione: 4.204.000 (2015 – Banca Mondiale)
Capitale Zagabria
Altre città principali: Spalato, Dubrovnik, Fiume, Osijek, Zara, Slavonski Brod, Pola, Ragusa
Lingua: Croato. Inglese, tedesco ed italiano sono largamente utilizzati
Religione: Cattolica circa il 90% della popolazione.
Moneta: Kuna croata (HRK), suddivisa in 100 Lipas.  

Croazia - Principali Indicatori Economici

 

 

2013
2014
2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $)
57.317
55.780
53.652
RNL pro capite, metodo Atlas (US $)
13.470
13.160
12.700
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $)
89.386
89.834
91.862
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($)
21.000
21.200
21.750
Quota del reddito posseduto da più del 20%
..
..
..
PIL (milioni US $)
57.771
57.136
48.732
Crescita del PIL (% annua)
-1,1
-0,4
1,6
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo)
0,8
0,0
0,1
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL)
4,4
4,3
4,3
Industria,valore aggiunto (% del PIL)
26,6
26,3
26,2
Servizi, ecc, valore aggiunto (% del PIL)
69,0
69,4
69,5
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL)
43,0
46,3
49,4
Importazioni di beni e servizi (% del PIL)
42,6
44,2
46,6
Investimenti lordi (% del PIL)
19,1
18,2
18,3
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL)
33,5
35,2
..
Tempo necessario per avviare un business (giorni)
15
15
12
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL)
89,0
90,0
88,7
Gettito fiscale (% del PIL)
19,1
19,3
..
Scambi di merci (% del PIL)
60,0
64,1
68,5
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $)
937
3.960
159
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $)
..
..
..

Fonte: World Bank - Aggiornamento 3/01/2017 
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

 

(*) Previsioni

Crescita annuale del PIL (%)
2005 4,2
2010 -1,7
2015 1,6
2016* 2,7
2017* 2,5
2018* 2,5
2019* 2,6


Croazia - Prospettive future

 

In base alle ultime previsioni degli analisti, dopo il ritorno a una crescita positiva per la prima volta in sei anni nel corso del 2015, l'economia si espanderà in media dell’1,7% all'anno nel periodo 2016-2020. Uno dei più lenti tassi di crescita media del PIL reale nella regione.

Il debito pubblico raggiungerà il picco di poco superiore al 90% del PIL nel periodo 2017-2018, un livello molto elevato per gli standard regionali. Le grandi esigenze di finanziamento lasciano la Croazia esposta ad una flessione della fiducia verso i mercati emergenti.

Croazia - Settori produttivi

 

L’economia croata è centrata sul settore dei servizi, che contribuisce al PIL per il 70%. Quella croata si può definire un’economia di tipo post-industriale: è anche una conseguenza della guerra, che ha gravemente danneggiato le strutture e le infrastrutture del settore secondario (il settore industriale contribuisce al 25% del PIL). L’agricoltura, pari al 5% del PIL, riveste un’importanza inferiore rispetto a quanto accade negli altri paesi balcanici. Vista la varietà della conformazione del territorio croato, il settore primario risulta comunque molto diversificato, sebbene il paese sia ormai un importatore netto di prodotti agricoli.
Inoltre la Croazia è povera di materie prime e risorse energetiche, il che la rende dipendente dalle importazioni per circa i due terzi dell’energia consumata. Dal 2000 l’allora governo guidato dai socialdemocratici ha messo in atto un progetto di potenziamento e costruzione di nuove infrastrutture, che ha portato il paese ad avere più di 400 km di nuove autostrade, soprattutto tra Zagabria e i centri turistici sulla costa della Dalmazia. Il turismo rappresenta una delle maggiori entrate, vista l’estensione della costa e le numerose isole sull’Adriatico.

Grazie ai fondi UE (156 milioni nel 2012), la Croazia ha potuto effettuare investimenti per modernizzare la società e realizzare nuove infrastrutture. In particolare, sono stati potenziati i sei maggiori porti e il sistema ferroviario. Ciò ha permesso di far crescere del 50% rispetto al periodo immediatamente successivo alla guerra il numero di passeggeri su rotaia.

Un elemento di forza dell’economia croata è l’industria navale cantieristica, settore in cui il paese è tra i primi in Europa e nel mondo, anche se non può competere con i produttori asiatici come Cina e Corea del Sud.
L’Unione Europea, e in particolar modo l’Italia, la Germania e la Slovenia, sono i primi partner commerciali della Croazia, assieme alla Bosnia-Erzegovina, la Russia e la Cina.

Croazia - Interscambio con l'Italia

 

L’Italia è tradizionalmente uno dei partner commerciali della Croazia.
Le esportazioni italiane di merci verso la Croazia nel 2016 sono ammontate a € 2,5 miliardi, in lieve calo rispetto all’anno precedente (- 2,2%), mentre le importazioni sono state pari a € 1,4 miliardi in crescita del 5,6%. Il tradizionale surplus commerciale del nostro paese è stato pari a € 1 miliardo.
Le principali voci del nostro export nel 2016 sono state “Prodotti della raffinazione del petrolio” per un valore di € 192,3 milioni, in calo rispetto al 2015 (- 32,3%), “Ferro, ghisa, acciaio e ferroleghe” per € 118,6 milioni (-0,2%) e “Articoli di calzetteria in maglia” per € 106,5 milioni (-0,8%).
Per quanto riguarda le principali voci dell’import del 2016, hanno riguardato “Legno piallato e tagliato” per un valore pari a € 90 milioni (+ 7%), “Cereali (escluso il riso)” per € 89,6 milioni (+52,6%) e “Rifiuti solidi non pericolosi” per € 87,5 milioni (+ 19,3%).

  • Opportunità export italiano: 60/100
  • Mercato di destinazione export italiano: 34°
  • Mercato di destinazione export Italiano in UE-OCSE: 21°
  • Incremento potenziale dell'export italiano entro il 2019 (€): 49,6 mln

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.



Caricando dati...


Croazia - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali:
+385 per il Paese;
1 Zagabria; 51 Fiume (Rijeka); 21 Spalato, Dubrovnik 20, 31 Osijek
 
Fuso orario: stesso orario del Meridiano relativo all’Italia (si applica l'ora legale)
 
Documenti: Passaporto o Carta identità valida per l'espatrio.
La Croazia è membro dell’Unione Europea dal 1° luglio 2013, ma non ancora membro dell’area Schengen. E’ dunque necessario viaggiare con un documento di riconoscimento in corso di validità (passaporto o carta d’identità valida per l’espatrio). La validità residua del passaporto richiesta è di novanta (90) giorni dalla prevista data di conclusione del soggiorno.
Si precisa che sono considerati documenti validi per l'ingresso in Croazia anche la carta di identità cartacea rinnovata con apposizione di timbro sul retro e la carta di identità elettronica, ivi compresa quella la cui validità è stata estesa mediante certificato di proroga cartaceo, riconosciute dalle Autorità croate come documenti validi per l’ingresso nel Paese. Ove si riscontrassero difficoltà nell’ingresso nel Paese con tali documenti, è bene contattare immediatamente la Sezione Consolare dell’Ambasciata d'Italia a Zagabria, o il Consolato Generale d’Italia a Fiume.
Qualora in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata, si prenda comunque visione dell’Approfondimento “Prima di partire – documenti per viaggi all’estero” sul sito viaggiare sicuri.
 
Visto di ingresso: Non necessario

Formalità valutarie e doganali: la normativa locale consente agli stranieri e ai turisti in visita o in transito in Croazia l’importazione e l’esportazione di valuta nazionale ed estera in contanti ed in assegni senza limiti, con l’obbligo di dichiarare al doganiere operante al valico di frontiera ogni importazione o esportazione in contanti che superi i 10.000 euro.
Le autorità di frontiera possono negare l’ingresso nel Paese a chi non dimostri di essere in possesso di mezzi sufficienti a garantire la propria sussistenza in Croazia, quantificati in 100 euro a persona al giorno.
Carte di credito o travellers’ cheques possono essere utilizzati per dimostrare il possesso di tali mezzi di sussistenza. L’euro, che non è legalmente accettato come valuta di pagamento, è tuttavia facilmente convertibile.
Sono accettate le carte di credito dei principali circuiti e sono disponibili sportelli bancari automatizzati su tutto il territorio croato. In caso di necessità, è possibile ricevere denaro dall’Italia presso gli sportelli della Western Union, presenti presso gli uffici postali croati.
Qualora il viaggio venga effettuato a bordo di un’automobile intestata a persona diversa dal guidatore o dai passeggeri, è necessaria una delega in forma semplice, sottoscritta dall’intestatario del veicolo, accompagnata dalla fotocopia di un suo documento di riconoscimento.
 
Divieto di importazione: non esistono divieti assoluti di importazione su prodotti o beni. Per l’introduzione di talune tipologie di prodotti agricoli e di prodotti alimentari di origine animale o vegetale è necessario acquisire preventivamente le dovute autorizzazioni sanitarie e fitosanitarie.
Per uso privato non è necessario esibire detti certificati purché' la quantità complessiva dei prodotti derivanti dalla lavorazione della carne non superi i 10 kg. Lo stesso dicasi per i prodotti derivanti dalla lavorazione del latte.
Per quanto riguarda i prodotti vegetali, sono richiesti certificati fito-sanitari per materiale vivaistico (piantine interrate destinate a successivo trapianto).
Per conoscere le autorizzazioni richieste e verificare i passi necessari a ottenerle, si suggerisce di contattare l’Ambasciata della Repubblica di Croazia a Roma o il Consolato croato a Milano, oppure l’Ambasciata d’Italia a Zagabria.
All’ingresso in Croazia, è consentito portare farmaci per necessità personali per un periodo massimo di 30 giorni (ove l’interessato possa dimostrare che tale prodotto sia autorizzato dalle competenti Autorità del Paese di produzione e ove possa giustificare, attraverso una cartella clinica o con la prescrizione del medico l’uso di tale farmaco).
Anche per l’uso di farmaci ansiolitici o antidepressivi è necessario disporre della documentazione medica e della relativa prescrizione. La quantità consentita’ non deve superare periodo massimo di 5 giorni.
In mancanza di prescrizioni mediche o superamento di quantitativi per tutti e tre i casi descritti, le Autorità croate possono sequestrare i farmaci in eccesso e comminare una sanzione amministrativa.

Settimana lavorativa:
Gli uffici commerciali sono aperti dalle 8:30 alle 16:30 dal lunedì al venerdì, mentre gli orari di apertura degli istituti di credito vanno dalle 8:00 alle 19:00 da lunedì a venerdì e dalle 08:00 alle 12:00 il sabato.
 
Numero unico di Pronto Intervento: 112
Polizia: 192
Pronto Soccorso: 112
Vigili del Fuoco : 193
Soccorso stradale: 1987
Centro nazionale di ricerca e salvataggio: 9155 (sul mare)
Informazioni di carattere generale: 18981
Informazioni elenco abbonati numeri urbani ed interurbani:11888
Informazioni elenco abbonati numeri internazionali: 11802

Principali festività 2016:
1° gennaio (Primo dell’anno);
6 gennaio (Epifania);
Marzo Pasqua;
1° maggio (Festa dei lavoratori);
26 Maggio (Corpus Christi);
22 giugno (Anniversario della rivoluzione e giornata dell’antifascismo);
25 giugno (Giornata Nazionale Croata);
5 agosto (Festa dei patrioti e giornata Nazionale del Ringraziamento);
15 agosto (Assunzione Santa Vergine);
8 Ottobre (Giorno dell'Indipendenza);
1° novembre (Ognissanti);
25 e 26 dicembre (Natale e Santo Stefano).

Croazia - Principali indirizzi utili




AMBASCIATE E CONSOLATI IN ITALIA
 
Ambasciata della Repubblica di Croazia in Italia 
Via Luigi Bodio 74/76 - 00191 Roma
Tel. +39-06-363.046.30
Fax: +39-06-363.034.05/363.032.69
 
Consolato Generale a Milano 
Piazzale Luigi Cadorna 15/1 - 20123 Milano
Tel.: +39 02 805 1772 - Fax: +39 02 805 1541
 
Consolato Generale a Trieste 
Piazza Goldoni 9 -34122 Trieste
Tel: +39 040 775 144 - Fax: +39 040 773 959
 
Consolato a Napoli 
Via Carlo De Cesare, 5 - 80132 Napoli
Tel: +39 081 410 333 - Fax: +39 081 421 190
 
Consolato a Padova 
Corso Milano 74- 35 122 Padova
Tel: +39 049 821 86 22 - Fax: +39 049 821 18 16
Consolato a Bari 
Via Dante Alighieri 166 - 70122 Bari
Tel: +39 080 9303639- Fax: +39 080 9303639
 
Consolato a Firenze
Via della Mattonaia 13 - 50121 Firenze
Tel: +39 055 263 9272 – Fax: +39 055 246 9418
 
AMBASCIATE E CONSOLATI IN CROAZIA
 
Ambasciata d'Italia a Zagabria
Medulićeva, 22 - 10000 Zagabria
Tel: +385.1.48.46.386 - Fax: +385.1.48.46.384
 
La rete consolare italiana

Consolato Generale d'Italia a Fiume
Riva, 16 - 51000 Fiume
Tel: +385. 51. 355.200/355.230/355.240;
Fax: +385. 51. 355.225
 
Consolato d'Italia a Spalato
Tel: 385.021 251629- Cell.:+385.91.5872468
 
Consolato Onorario d'Italia a Ragusa/Dubrovnik
Tel.: +385.98. 94.14.654; Fax: +385. 20. 412.838
 
Vice Consolato Onorario d'Italia a Pola (Istria)
Tel: +385. 52. 388.864/507.007 - Fax:+385. 52. 388.863
 
Corrispondente Consolare Zara
Tel. Uff. : +385.23.211.012; Cell. : +385.91.21.10.120
email : rina.villani@gmail.com

Corrispondente Consolare Sebenico
Tel. Uff. : +385.22.215.933; Cell. : +385.98.759.841
email : maria.rita.rando@gmail.com

Corrispondente Consolare Hvar/Lesina
Cell. : +385.91.506.98.88
email : Alessandra@vip.hr
 
ICE-AGENZIA
 
CAMERE DI COMMERCIO
 
Croatian chamber of economy: http://web.hgk.hr/
Croatia International Chamber of Commerce (ICC): http://www2.hgk.hr/icc/
 
MINISTERI
 
Ministero degli Affari esteri ed europei: http://www.mvep.hr/
Ministero delle finanze: http://www.mfin.hr/en
Ministero dell'Economia: http://www.mingo.hr/
Ministero delle politiche sociale e della gioventù: http://www.mspm.hr/
Ministero della difesa: http://www.morh.hr/
Ministero degli interni: http://www.mup.hr/
Ministero Affari marittimi, trasporti, infrastrutture: http://www.mppi.hr/
Ministero dell’agricoltura: http://www.mps.hr/
Ministero del turismo: http://www.mint.hr/
Ministero dell'Ambiente e della Natura: http://www.mzoip.hr/
Ministero Costruzioni e Pianificazione territoriale: http://www.mgipu.hr/
Ministero Scienza, Istruzione e Sport: http://public.mzos.hr/
Ministero della cultura: http://www.min-kulture.hr/
 
ISTITUTI, ENTI, AGENZIE NAZIONALI
 
Ufficio nazionale di statistica: http://www.dzs.hr/
Ufficio nazionale di metrologia: http://www.dzm.hr/
Ufficio nazionale sulla proprietà intellettuale: http://www.dziv.hr/
Istituto croato di Standardizzazione: http://www.hzn.hr/
Agenzia croata per le piccole imprese: http://www.hamag.hr/
Agenzia per gli investimenti: http://www.investcroatia.hr/it/
Gazzetta ufficiale: http://www.nn.hr/
Ente nazionale croato per il turismo: http://croatia.hr/
Istituto croato del lavoro: http://www.hzz.hr/
 
TRASPORTI

Associazione delle autorità portuali: http://www.portauthority.hr/
Agenzia per l’aviazione civile: http://www.ccaa.hr/
Autostrade della Croazia: http://hac.hr/
Jadrolinija (compagnia di navigazione croata): http://www.jadrolinija.hr/
 
ORGANISMI INTERNAZIONALI

Rappresentanza permanente Unione Europea: http://eu.mfa.hr/en/
World Trade Center Zagreb: http://www.zv.hr/
Banca Europea Ricostruzione Sviluppo (BERS): http://www.ebrd.com/croatia.html
 
PRINCIPALI ISTITUTI BANCARI
 
Croatian National Bank: http://www.hnb.hr/
Vaba d.d. banka Varaždin: http://www.vaba.hr/
Banka splitsko-dalmatinska: http://www.bsd.hr/
Istarska kreditna banka Umag: http://www.ikb.hr/
Karlovačka banka: http://www.kaba.hr/
Podravska banka: http://www.poba.hr/
Samoborska banka: http://www.sabank.hr/
Hrvatska poštanska banka (HPB): http://www.hpb.hr/
Privredna banka Zagreb: http://www.pbz.hr/
Zagrebačka banka: http://www.zaba.hr