Stampa

ISRAELE

 

  Risultati immagini per animated flag israel

 

 

 

 

 

 

Israele - Informazioni Generali

 

Superficie: 0.325 Km². Non sono incluse le aree occupate da Israele durante le guerre del 1967 e 1973 - la Striscia di Gaza, la Cisgiordania, Gerusalemme Est e le Alture del Golan.

Popolazione: 8.132.300 abitanti (stime 2013 Central Bureau of Statistics )

Capitale: Gerusalemme

Altre città principali

Tel Aviv; Haifa; Rishon; Lezion Ashdod; Beer Sheva; Petah Tikva; Holon

Clima: Mediterraneo

Lingua
L’ebraico moderno e l’arabo sono le due lingue ufficiali dello Stato di Israele. Le altre lingue più usate sono l’inglese (materia di studio in quasi tutte le scuole) e il russo (la lingua madre dell’ultima grande ondata immigratoria dall’ex Unione Sovietica). Ma sono relativamente diffuse anche altre lingue come francese, spagnolo, tedesco, polacco, ungherese, yiddish. In Israele vivono anche circa 4.000 ebrei di origine italiana (colloquialmente chiamati italkim). Oggi l’ebraico viene utilizzato diffusamente ad ogni livello di comunicazione individuale e collettiva: nel mondo dell’economia, nell’esercito, nell’istruzione, nel mondo scientifico e accademico, nel commercio, nello sport e in ogni altro campo della vita sociale. In Israele è facile trovare giornali e riviste in varie lingue. Segnali stradali e insegne commerciali sono generalmente scritti in ebraico, in arabo e in inglese.

Moneta: L’unità monetaria è il Nuovo Shekel (ILS).

 

Israele - Principali Indicatori Economici

 

 

2013
2014
2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $)
277.488
293.023
299.748
RNL pro capite, metodo Atlas (US $)
34.430
35.670
35.770
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $)
270.554
283.852
301.999
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($)
33.570
34.550
36.040
Quota del reddito posseduto da più del 20%
..
..
..
PIL (milioni US $)
293.315
308.769
299.416
Crescita del PIL (% annua)
4,4
3,2
2,5
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo)
2,1
1,1
2,8
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL)
..
..
..
Industria, valore aggiunto (% del PIL)
..
..
..
Servizi, ecc, valore aggiunto (% del PIL)
..
..
..
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL)
33,4
32,2
30,7
Importazioni di beni e servizi (% del PIL)
31,1
30,4
27,7
Investimenti lordi (% del PIL)
20,0
20,1
19,9
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL)
31,9
32,4
32,4
Tempo necessario per avviare un business (giorni)
13
13
13
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL)
84,0
84,8
82,3
Gettito fiscale (% del PIL)
22,9
23,3
23,4
Scambi di merci (% del PIL)
48,3
46,7
42,9
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $)
12.448
6.738
11.510
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $)
..
..
..
Fonte: World Bank - Aggiornamento 1/02/2017
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

(*) Previsioni

Crescita annuale del PIL (%)
2005 4,2
2010 5,7
2015 2,5
2016* 2,7
2017* 3,1
2018* 3,2
2019* 3,3

Israele - Prospettive future

 

La crescita del PIL dovrebbe essere più sostenuta nel triennio 2016-2019 (media stimata del 4,2%, con picco del 5,3% nel 2019) grazie all'espansione della produzione di gas, una buona tenuta dei consumi stimolati da un basso tasso di disoccupazione, e la prevista ripresa della domanda a livello mondiale.

Israele - Settori produttivi

 

Nel corso degli anni, l'economia israeliana si è andata stabilizzando e progressivamente aprendo agli scambi commerciali e ai movimenti di capitali, attraverso riforme strutturali e privatizzazioni. In considerazione delle ridotte dimensioni del mercato interno, della scarsità di risorse naturali e della sempre critica situazione geopolitica, il ruolo fondamentale nell'economia del Paese è giocato dall'export, che rappresenta mediamente il 40% del PIL. Le industrie ad alta tecnologia costituiscono, in particolare, il settore più dinamico dell'economia e sono ormai il vero fattore di traino dell'intero sistema.
In termini generali, la domanda estera rimane determinante per la crescita economica israeliana e si ritiene che la debolezza della domanda europea e statunitense (che assorbono circa i tre quinti delle esportazioni israeliane) continuerà a condizionare questo commercio estero e quindi questa economia, che trova però una certa compensazione sia nei maggiori acquisti dai mercati emergenti quali la Cina, sia nel conto delle risorse energetiche che inizieranno presto ad essere esportate. Negli ultimi anni Israele ha attirato un consistente afflusso di investimenti esteri, grazie allo sviluppo delle alte tecnologie ed ai processi di privatizzazione.
La struttura economica israeliana risulta simile a quella di altre piccole economie sviluppate. Il settore privato rappresenta circa il 55% del PIL. I servizi rappresentano il 65% del PIL (i servizi-chiave sono quelli finanziari e per l’impresa), l’industria il 32,6% del PIL (in particolare manifattura e costruzioni) e l’agricoltura il 2,4% del PIL. La forza lavoro impiegata in ogni settore è invece rispettivamente pari all’82%, 16% e 2%. Negli ultimi due decenni, Israele è diventato famoso per le sue capacità high tech, in particolare nel settore delle telecomunicazioni, dell'informatica, dell'elettronica e delle scienze. La capacità di innovazione legata all’alto livello di istruzione del personale qualificato hanno giocato un ruolo determinante nel trasformare il paese il un centro ad alta tecnologia secondo solo alla Silicon Valley californiana e alla Route 128 della zona di Boston.
In questi anni, Israele ha promosso in maniera programmatica tali settori, attraverso leggi che sostengono la ricerca e lo sviluppo industriale, assieme a investimenti di capitali a rischio, o attraverso il sostegno continuo e a lungo termine al capitale umano e alla formazione tecnologica, con progetti tesi alla ripresa economica, in particolare per quanto riguarda lo sviluppo di infrastrutture. Grazie a questa politica Israele è attualmente il paese che spende più di qualsiasi altro in ricerca e sviluppo (circa il 4.5% del PNL) e detiene attualmente il più alto numero di scienziati, ingegneri e tecnici nella forza lavoro (145 su 100.000 lavoratori, contro 85 degli U.S.A., 75 del Giappone e 60 della Germania). Israele si trova anche al secondo posto dopo gli Stati Uniti, sia per numero di fondi di capitali a rischio, sia per numero di società start-up. Con le sue oltre 3.000 società, Israele è considerata uno dei maggiori punti di concentrazione di società Hi-Tech.

Israele - Interscambio con l'Italia

 

Le esportazioni italiane in Israele nel 2016 sono ammontate a € 2,5 miliardi, in lieve incremento sul 2015 (+1,9%), mentre le importazioni sono state pari a € 904 milioni, anch’esse in lieve aumento sul 2015 (+2,3%).
Il saldo della nostra bilancia commerciale è quindi positivo per un importo di € 1,6 miliardi.
 
I principali comparti produttivi del nostro export nel 2016 sono stati: “Prodotti della raffinazione del petrolio” per un valore pari a € 111,2 milioni, in aumento sul valore del 2015 (+32,1%), “Autoveicoli” per € 110 milioni (+26,4%) e “Aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi” per € 101,4 milioni (-57,9%).
Le principali voci merceologiche del nostro import da Israele sono state: “Pietre preziose e semipreziose per gioielleria e per uso industriale” per un valore pari a € 137,9 milioni (+109,5%), “Materie plastiche in forme primarie” per € 79 milioni (-16,6%) e “Altri prodotti chimici di base organici” per € 60,9 milioni.

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Israele 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 1.454.380.526,00 € 1.494.192.238,00 € 2.537.826.749,00
Importazioni € 478.228.103,00 € 476.126.383,00 € 1.180.492.396,00

Israele - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali
00 972 prefisso per il Paese;
3 Tel Aviv e Gerusalemme;
4 Haifa. 

Fuso orario
2 ore avanti rispetto all’orario del Meridiano di Greenwich; 1 ora avanti rispetto all’Italia 

Documenti
Passaporto senza visto fino a 90 giorni di permanenza. Poiché alcuni paesi non permettono l’ingresso a chi abbia un visto israeliano sul passaporto, i viaggiatori interessati possono richiedere che il visto venga apposto su un foglio separato che sarà allegato ad una pagina del passaporto. 
Le Autorità israeliane non ammettono il transito di palestinesi privi della carta di residenza a Gerusalemme verso la Cisgiordania e Gaza attraverso l’aeroporto Ben Gurion o altri aeroporti in Israele. Tale divieto è esteso anche a palestinesi con diverse cittadinanze, ivi inclusa quella italiana. Per l’arrivo di tali connazionali in Cisgiordania è pertanto consigliabile transitare per Amman; per l’arrivo in Gaza è consigliabile transitare via Il Cairo.

Settimana lavorativa
Dalla Domenica alla mattina del Venerdì. Il sabato è giorno festivo 
BANCHE: Lunedì, Martedì, Giovedì dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle ore 17.00; Mercoledì dalle ore 8.30 alle ore 12.30; Venerdì, vigilia del giorno festivo, dalle ore 8.30 alle ore 12.00.
NEGOZI: dalle ore 8.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00; il Venerdì e la vigilia della festività i negozi chiudono alle ore 14.00

Carte di credito: Accettate tutte le principali

Principali festività
Le festività variano generalmente a seconda dell’anno. Nel 2011 sono:
20 marzo 2011 (Purim; solo per le banche);
19-26 aprile (Pasqua Ebraica; il primo e l’ultimo giorno sono festività pubbliche);
10 maggio (Festa dell’Indipendenza);
8 giugno (Shavuoth; Pentecoste);
9 agosto (Tisha b'Av; solo per le banche);
29 settembre (Nuovo Anno Ebraico);
8 ottobre (Yom Kippur);
13 ottobre (Inizio Sukkot);
19 ottobre(Fine Sukkot);
20 ottobre(Simchat Torah);
20 dicembre (Chanukah; vacanza scolastica).

Tutte le feste religiose cominciamo al tramonto del giorno precedente e finiscono al calare della notte. Tutti i locali pubblici sono chiusi e quasi tutti i mezzi di trasporto cessano di funzionare.

Israele - indirizzi utili

 

 


Consolato Generale d'Italia a Gerusalemme:http://www.consgersalemme.esteri.it/Consolato_Gerusalemme
Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv:http://www.iictelaviv.esteri.it/IIC_Telaviv
Istituto Italiano di Cultura di Haifa:http://www.iichaifa.esteri.it/IIC_Haifa
Camera di Commercio e Industria Israel-Italia:http://italian.italia-israel.com/

ALTRI ENTI GOVERNATIVI

Central Bureau of Statistics: www.cbs.gov.il
Israel Export & International Cooperation Institute: www.export.gov.il
Matimop - R&D Cooperation Between Israelian & Technological: www.matimop.org.il
Tel Aviv Stock Exchange: www.tase.co.il

ASSOCIAZIONI LOCALI

Manufacturers’ Association of Israel: www.industry.org.il
Israel Association of Electronics & Software Industries: www.iaesi.org.il
Israeli Association of Software Houses: www.iash.org.il
Israeli Jewellery Manufacturers Association: www.ijma.org.il
The Association of Craft And Industry In Israel: www.aci.org.il
The Israel Association of Furniture Manufacturers: www.furnish.co.il

ENTI LOCALI

Tel Aviv & Central Israel Chamber of Commerce: www.chamber.org.il
Israel Export & International Cooperation Institute: www.export.gov.il
MATIMOP – Israeli Industry Center for R&D: www.matimop.org.il
The Standards Institution of Israel: www.sii.org.il
Central Bureau of Statistics: www.cbs.gov.il

MINISTERI ISRAELIANI

Portale del Governo: http://www.gov.il/firstgov/english
Ministero delle Infrastrutture, Energia e Acqua: http://energy.gov.il/Pages/Default.aspx
Ministero dell’Ambiente: http://www.sviva.gov.il
Ministero degli Affari Esteri: http://www.mfa.gov.il/
Ministero delle Finanze: http://www.mof.gov.il/
Ministero delle Comunicazioni: http://www.moc.gov.il/
Ministero della Pubblica Istruzione e Sport: http://www.education.gov.il/
Ministero della Salute: http://www.health.gov.il/
Ministero del Turismo: http://www.tourism.gov.il/
Ministero dei Trasporti e Sicurezza Stradale: http://www.mot.gov.il/ (ebraico)
Ministero delle Costruzioni: www.moch.gov.il

PRINCIPALI BANCHE ISRAELIANE

Bank Hapoalim: http://www.bankhapoalim.com/
Israel Discount Bank :www.discount-bank.co.il
Bank Leumi: http://english.leumi.co.il/
Bank Of Jerusalem LTD.: www.bankjerusalem.co.il