Stampa

LETTONIA - Cartina

 

Lettonia - Informazioni Generali

 

Superficie: 64.589 Km2
Popolazione: 1.977,527 milioni di abitanti (2015 – Banca Mondiale)
Capitale: Riga
Altre città principali: Daugavpils; Liepaja; Jelgava; Jurmala
Lingua: lingua ufficiale del paese è il lettone (lingua indo-europea) parlato dal 62% della popolazione Per circa il 36% della popolazione, il russo è la lingua principale di comunicazione
Religione: Il 60% dei lettoni è ateo. La maggior parte dei credenti è principalmente di religione cristiana. Il più grande gruppo è quello Luterano (556.000, secondo i dati del 2003, pari al 24,3% della popolazione), con più piccole percentuali di cattolici (429.675, pari al 18,8%) e di ortodossi orientali (350.000, pari al 15,3%).
Clima: Temperato. Temperature medie, 20 ° C in estate, -5 ° C in inverno
Moneta: Euro dal 1° maggio 2014.

Lettonia - Principali Indicatori Economici

 

 

2013
2014
2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $)
30.072
30.547
29.642
RNL pro capite, metodo Atlas (US $)
14.940
15.320
14.980
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $)
45.538
47.485
49.122
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($)
22.630
23.820
24.840
Quota del reddito posseduto da più del 20%
..
..
..
PIL (milioni US $)
30.256
31.323
27.003
Crescita del PIL (% annua)
2,9
2,1
2,7
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo)
1,3
1,5
0,4
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL)
3,4
3,3
3,2
Industria, valore aggiunto (% del PIL)
23,8
23,5
23,1
Servizi, ecc, valore aggiunto (% del PIL)
72,8
73,3
73,7
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL)
60,3
59,6
59,0
Importazioni di beni e servizi (% del PIL)
63,5
61,5
60,1
Investimenti lordi (% del PIL)
23,9
23,1
22,0
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL)
41,9
41,5
..
Tempo necessario per avviare un business (giorni)
12,5
12,5
5,5
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL)
60,3
53,9
58,0
Gettito fiscale (% del PIL)
20,5
20,9
..
Scambi di merci (% del PIL)
106,9
102,8
97,6
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $)
990
1.083
763
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $)
..
..
..
Fonte: World Bank - Aggiornamento 1/02/2017 
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

 

(*) Previsioni

Crescita annuale del PIL (%)
2005 10,7
2010 -3,8
2015 2,7
2016* 2
2017* 3,1
2018* 3,5
2019* 3,4

Lettonia - Prospettive future

 

Secondo le stime della Commissione europea, nel 2107 il PIL dovrebbe migliorare (+2,8%) (anno in cui il governo lettone prevede invece una crescita addirittura superiore, al 3,5%) a conferma del ritrovato passo dell’economia baltica dopo la grave crisi del 2008-2010 (costata una flessione complessiva vicina al 24% del prodotto interno lordo), nonostante l’impatto della guerra commerciale tra Russia e Unione europea.

Il Paese sembra dunque essersi incanalato su una traiettoria di crescita moderata, dopo gli alti e bassi di PIL e reddito pro-capite che avevano caratterizzato il primo decennio del nuovo millennio.
Secondo le analisi dell’OCSE l’indice al consumo quest’anno in Lettonia subirà un calo dello 0,2% mentre nei prossimi due anni crescerà dell’1,9%.

La crescita dell’economia lettone potrà accelerare nel 2017 e negli anni successivi sulla base soprattutto della capacità di utilizzare le risorse provenienti dai fondi dell’Unione Europea e dall’eventuale miglioramento delle relazioni economiche e commerciali con la Russia, che permetta una crescita delle esportazioni. La crisi fra Unione Europea e la Russia e le sanzioni commerciali hanno costituito uno dei principali fattori nella frenata delle economie dei paesi baltici, fra i più esposti nella bilancia commerciale con la Russia.
Nello stesso tempo gli analisti dell’OCSE prevedono un aumento dei consumi delle famiglie, che va di pari passo con una tendenza alla crescita dei salari. La crescita degli stipendi però potrebbe risultare più veloce rispetto all’aumento della produzione e questo dovrebbe diminuire la capacità dell’economia lettone di esportare i propri prodotti all’estero.
Per quanto riguarda i senza lavoro, il tasso di disoccupazione previsto in Lettonia dall’OCSE dovrebbe mantenersi piuttosto alto anche nel prossimo futuro. Nel 2017 sarà del 9,2% e nel 2018 dell’8,8%. Le raccomandazioni dell’OCSE sono dirette ad una maggiore formazione professionale dei lavoratori, che possa aumentare la produttività e coprire i vuoti di personale qualificato che denunciano le imprese lettoni.

Lettonia - Settori produttivi

 

Nel periodo post- transizione verso un sistema di economia di mercato, il settore dei servizi (in particolare i servizi finanziari e quelli commerciali) è stato protagonista di una crescita sostenuta, a discapito di settori quali l’agricoltura e l’industria. Il problema prevalente che caratterizza il settore agricolo è rappresentato dalla bassa produttività dovuta alle piccole dimensione delle fattorie lettoni, alla scarsa qualità del suolo nonché all’obsolescenza dei macchinari.
Per quanto riguarda il settore industriale, invece, va ricordato che non è riuscito a far fronte alla concorrenza internazionale dopo l’avvenuta liberalizzazione degli scambi, comunque, l’industria lettone è stata sottoposta ad un processo di modernizzazione che le ha permesso di riguadagnare competitività nel campo dell’industria meccanica e in quello dell’industria leggera.
Il settore del legno e dei prodotti in legno (inclusi cellulosa & carta e mobili) è cresciuto diventando uno dei più importanti settori industriali della Lettonia. Un'eccellente visione d'insieme dell'industria del legname e delle opportunità di fare business.
Complessivamente il settore manifatturiero è notevolmente cresciuto, non altrettanto per la produzione di elettricità, acqua e gas.

Lettonia - Interscambio con l'Italia

 

Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica, l’interscambio della Lettonia con l’Italia è ammontato nel 2016 a 529 milioni di euro (-1,7%): le esportazioni italiane in Lettonia rappresentano 384 milioni di euro (-3,4%) e le importazioni dalla Lettonia 145 milioni di euro (+2,8%). Si tratta di un saldo ancora assai favorevole per il nostro Paese pari a 239 milioni di euro.
Nel 2016 l’Italia è salita rispetto l’anno precedente dal decimo al nono posto fra i Paesi fornitori della Lettonia e dal diciassettesimo al quindicesimo fra gli importatori.
 
NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Lettonia 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 305.574.007,00 € 315.139.552,00 € 394.099.672,00
Importazioni € 66.564.692,00 € 71.302.562,00 € 109.334.251,00

Lettonia - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali: 00 371 per il paese; 2 Riga
 
Fuso orario: +1h rispetto all’Italia (anche quando è in vigore l’ora legale).
 
Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio.
Il Paese fa parte dell’UE ed aderisce all’accordo di Schengen.
Gli italiani devono viaggiare con un documento di riconoscimento non scaduto (Passaporto o Carta d’identità valida per l’espatrio). Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto, si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata della Lettonia a Roma (V.le Liegi, 42, 00198, tel.068841227/37 (consolare); embassy.italy@mfa.gov.lv; sito internet www.mfa.gov.lv/rome ) o presso il proprio Agente di viaggio. I consolati onorari sono presenti a Firenze, Venezia, Bari, Milano, Catania e Napoli.
Visto d’ingresso: dal 1° maggio 2004, i cittadini dell’Unione Europea possono entrare senza necessità di visto nel territorio della Repubblica di Lettonia.
 
Formalità valutarie e doganali: nessuna.
 
Apertura negozi
In Lettonia a differenza di tanti altri paesi europei, i negozi, non solo i centri commerciali ma anche tutti gli altri, piccoli chioschi compresi, restano sempre aperti anche nei giorni festivi, e con orari particolarmente lunghi, fino a tarda serata
Il motivo è in particolare legato ai salari, e questo produce una sorprendente alleanza fra lavoratori e aziende, al contrario di quanto succede in altri paesi, Italia compresa.
Il fatto è che in Lettonia i salari dei lavoratori del settore del commercio sono ancora decisamente bassi. L’apertura nei giorni festivi diventa dunque un fattore importante nella busta paga del lavoratore, tanto che sono proprio le associazioni sindacali a dirsi contrarie ad una regolamentazione per legge della chiusura dei negozi nei giorni festivi.
Carte di credito: l’uso delle carte di credito non è particolarmente diffuso.
 
Patente: Italiana.
Documenti auto - Le Autorità lettoni non riconoscono la validità dei libretti di circolazione provvisori italiani. Agli automobilisti italiani in possesso di documento provvisorio di circolazione può dunque essere impedito l'ingresso nel Paese.
 
Assicurazione auto - Un visitatore alla guida di un veicolo con targhe d'immatricolazione permanenti rilasciate in Italia non ha bisogno di un documento d'assicurazione complementare alla sua polizza nazionale e non sarà tenuto a presentare una prova di assicurazione all'arrivo.
 
Principali festività 2016:
1° gennaio (Capodanno);
Venerdì Santo, Pasqua e Lunedì di Pasqua;
1° maggio (Festa dei Lavoratori)
4° maggio (Giornata nazionale dell’Indipendenza);
23 giugno (Festival di mezza estate);
24 giugno (San Giovanni)
18 novembre (Proclamazione della Repubblica);
25-26 dicembre (Natale);
31 dicembre (Vigilia di Capodanno)

Lettonia - Principali indirizzi utili

 

AMBASCIATE E CONSOLATI IN LETTONIA
 
Ambasciata d’Italia in Riga
Teatra iela, 9 - LV 1050 Riga
Tel. + (371) 6 721 60 69; Fax+ (371) 6 721 60 84
Fax Ufficio Consolare/Commerciale +(371) 6 721 15 17
Numero di emergenza + 371 2 927 30 27
 
Le funzioni consolari sono svolte dall'apposita sezione costituita presso l'Ambasciata d'Italia a Riga. Non vi sono altri Uffici consolari italiani in Lettonia.
 

AMBASCIATE E CONSOLATI IN ITALIA

Ambasciata della Lettonia in Italia 
Via Giovanni Battista Martini 13, 00198 Roma, Italia
Entrata della sezione consolare dell’Ambasciata: Via Gaspare Spontini 28/A
Tel. +39 06 8841 227; Fax: 39 06 8841 239
e-mail: embassy.italy@mfa.gov.lv
http://www.mfa.gov.lv/it/  
ISTITUTI, ENTI, AGENZIE NAZIONALI
 
Agenzia promozione investimenti: http://www.liaa.gov.lv/en
Agenzia nazionale per il lavoro: http://www.vdi.gov.lv/lv/ 
Ispettorato del lavoro statale: www.vdi.gov.lv 
Amministrazione finanziaria : https://www.vid.gov.lv/?hl=2
Commissione per il mercato delle finanze e del capitale: http://www.fktk.lv/lv/
Ufficio di statistica: http://www.csb.gov.lv/en
Agenzia per le privatizzazioni: http://www.pa.gov.lv/english/
Istituto Lettone informazioni culturali: http://www.li.lv/
Ente fieristico BT1: http://www.bt1.lv/
Dipartimento sviluppo/ufficio territorio di Riga: www.rdpad.lv 
Ufficio del catasto (città di Riga): www.zemesgramata.lv

CAMERE DI COMMERCIO

Camera di commercio e dell’industria della Lettonia: http://www.chamber.lv/lv/
Registro imprese della Lettonia: http://www.ur.gov.lv/index.php?v=eng
Associazione Italia – Lettonia: http://www.italialettonia.it/
   
MINISTERI
 
Primo Ministro /Governo: http://www.mk.gov.lv/
Ministero dell'Economia: http://www.em.gov.lv/?lng=en
Ministero Affari Esteri: http://www.mfa.gov.lv/en/
Ministero delle Finanze: http://www.fm.gov.lv/lv/
 
ISTITUTI BANCARI

Latvijas Banka (Banca centrale della Lettonia): https://www.bank.lv/en
DnB NORD BANKA: https://www.dnb.lv/lv
Latvijas Krājbanka: http://www.lkb.lv/lv/
Nordea Bank AB Latvijas filiāle: http://www.nordea.lv/

ORGANISMI INTERNAZIONALI
 
Delegazione Unione europea: http://ec.europa.eu/latvia/index_lv.htm
Fondo monetario Internazionale: http://www.imf.org/external/country/LVA/