Stampa

LIBANO

 

Risultati immagini per flag animation libano

 

 

Libano - Informazioni Generali

 

Superficie: 10.452 Km²
Popolazione: 5.851.000 milioni di abitanti (2015 – Banca Mondiale)
Capitale: Beirut
Altre città principali: Tripoli, Biblo, Sidone, Tiro, Nabatiye, Zahle, Baabda, Baalbek, Hermel.
Clima: Subtropicale; freddo sugli altipiani.
Lingua ufficiale: Arabo. Inglese e francese sono comunemente parlati.
Moneta: L’unità monetaria è la Lira Libanese (LBP) divisa in 100 piastre.

Libano - Principali Indicatori Economici

 

 

2013
2014
2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $)
43.246
44.610
45.113
RNL pro capite, metodo Atlas (US $)
8.180
7.950
7.710
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $)
76.370
78.591
80.467
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($)
14.440
14.000
13.750
Quota del reddito posseduto da più del 20%
..
..
..
PIL (milioni US $)
44.352
45.731
47.085
Crescita del PIL (% annua)
0,9
1,8
1,3
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo)
1,7
1,3
1,6
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL)
4,8
4,9
4,8
Industria, valore aggiunto (% del PIL)
15,5
16,9
16,6
Servizi, ecc., valore aggiunto (% del PIL)
79,6
78,2
78,6
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL)
56,9
57,5
57,0
Importazioni di beni e servizi (% del PIL)
71,2
69,4
65,0
Investimenti lordi (% del PIL)
30,4
31,2
27,6
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL)
19,6
20,9
18,7
Tempo necessario per avviare un business (giorni)
15
15
15
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL)
187,6
194,9
206,1
Gettito fiscale (% del PIL)
14,9
14,8
14,3
Scambi di merci (% del PIL)
61,3
56,2
47,6
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $)
2.701
2.906
2.342
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $)
621,01
819,62
..
Fonte: World Bank - Aggiornamento 1/02/2017
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

(*) Previsioni

Crescita annuale del PIL (%)
2005 2,7
2010 8
2015 1,3
2016* 1,8
2017* 2,2
2018* 2,3
2019* 2,5

Libano - Prospettive future

 

La Banca mondiale ha rivisto al rialzo le stime sulla crescita economica del Libano per il 2017.
La Banca si aspetta una crescita del 2,2% del PIL libanese nel 2017, lo 0,4% in più rispetto alle stime fatte nel giugno 2016. Il dato sembra essere influenzato dalle conseguenze positive della recente designazione del capo dello Stato, Michel Aoun, e dalla formazione del nuovo esecutivo, guidato dal premier Saad Hariri.
 
Secondo le stime della Banca mondiale il PIL libanese dovrebbe continuare a crescere nel 2018 e nel 2019, attestandosi rispettivamente al 2,3 e 2,5%.
 
Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha previsto una crescita del PIL reale libanese del 2% nel 2017, mantenendo così la sua previsione di crescita annunciata ad ottobre 2016 e antecedente la formazione del governo di Saad Hariri avvenuta il 18 novembre.
 
Inoltre, il FMI prevede un ritorno dell'inflazione nel 2017 al 2,6% contro il 2% stimato ad ottobre mentre l'indice dei prezzi al consumo sarebbe sceso dello 0,8% nel 2016 contro la precedente previsione dello 0,7%.
 
Infine, il deficit del conto corrente dovrebbe rappresentare il 15,5% del PIL nel 2017, contro il 16% nel 2016 (stimato al 21% del PIL in precedenza) e il 18,4% nel 2015.

Libano - Settori produttivi

 

Il Libano possiede un’economia aperta, di piccole dimensioni e fondata sul settore dei servizi. Il settore primario è caratterizzato dall’attività estrattiva per l’industria del cemento e da unità agricole di piccole dimensioni. La maggior parte delle proprietà rurali è concentrata sulle pianure costiere o nella valle della Beqaa, tuttavia risultano economicamente inefficienti e attualmente l’agricoltura rappresenta soltanto il 5% del PIL circa. Anche il settore industriale appare alquanto ridotto, orientandosi prevalentemente verso il mercato interno che tende a manifestare una preferenza verso i prodotti importati. Le aziende operano tendenzialmente dietro elevate barriere tariffarie e negli anni hanno perso in competitività. Le maggiori esportazioni riguardano il cemento, prodotti alimentari e bevande, e gioielli. I servizi rappresentano storicamente l’area di maggiore attività economica.
 
Il Ministero dell'Industria (MoI) ha lanciato un piano per incoraggiare la creazione di nuovi settori produttivi e per migliorare la produttività. Il piano dovrebbe portare, entro il 2025, a una riduzione del deficit commerciale del paese. L’obiettivo è di far crescere le esportazioni fino a US$ 5 miliardi, riducendo parallelamente le importazioni da US$ 18 miliardi a US$ 16 miliardi.
Il Ministero prevede di potenziare il mercato locale attraverso la riorganizzazione delle strutture produttive esistenti e il supporto alle piccole e medie imprese affinché crescano a livello nazionale. A livello centrale, sarà incoraggiata la preferenza per prodotti locali negli acquisti pubblici.
E’ previsto anche un potenziamento della cooperazione con le missioni libanesi all'estero, la ricerca di nuovi mercati e lo sviluppo del turismo industriale, con la creazione di uffici di promozione all'estero.
Fra i settori target dell’azione del Ministero rientrano le industrie che trattano le nanotecnologie, la meccatronica, il fashion design, l’industria di trasformazione, le energie alternative, i gioielli, le attrezzature industriali, i cosmetici, gli oli essenziali, la biochimica, la chimica industriale e la petrolchimica.
Verrà anche incoraggiato lo sviluppo del prodotto, promuovendone l’immagine attraverso l'etichettatura e l'imballaggio. Si lavorerà anche sull'abbassamento dei costi di produzione, in particolare di quelli energetici, con il ricorso all'utilizzo di fonti alternative.

Libano - Interscambio con l'Italia

 

Le esportazioni italiane in Libano nel 2016 sono ammontate a € 1,1 miliardi, in lieve diminuzione sul valore del 2015 (-1,6%), mentre le importazioni sono state pari a € 34,5 milioni (-5.9%).
Il saldo della bilancia commerciale è nettamente positivo per € 1,065 miliardi.

I principali comparti produttivi dell’export sono: “Prodotti della raffinazione del petrolio” per un valore pari a € 334,3 milioni, (-5,1%), “Oggetti di gioielleria e oreficeria in metalli preziosi o rivestiti di metalli preziosi” per € 45,2 milioni (+21,6%) e “Abbigliamento esterno confezionato in serie, di sartoria o confezionato su misura” per € 35,8 milioni (-1,1%).
I principali comparti dell’import sono: “Piombo, zinco e stagno e semilavorati” per 34,5 milioni (-1,1%), “Rifiuti solidi non pericolosi” per un valore di € 5,1 milioni (-53,2%) e “Altri prodotti chimici di base inorganici” per € 4,3 milioni.
 

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Libano 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 1.016.466.353,00 € 995.439.725,00 € 1.446.088.815,00
Importazioni € 24.413.692,00 € 18.279.283,00 € 36.865.233,00

Libano - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali: 00 961 prefisso per il Paese;  1 Beirut Ovest; 9 Beirut Est

Fuso orario: 2 ore avanti rispetto all’orario del Meridiano di Greenwich; 1 ora avanti rispetto all’Italia

Passaporto: necessario con validità residua di almeno sei mesi.
Visto: obbligatorio. I cittadini dell'UE possono ottenere il visto alla frontiera di ingresso (aeroportuale o terrestre), a condizione che non si tratti di visto per lavoro o per prestazioni artistiche. Per il rilascio del visto d’ingresso alla frontiera è necessario:
• essere in possesso di biglietto aereo di ritorno qualora l’ingresso avvenga all’aeroporto;
• essere in possesso di passaporto con validità superiore ai sei mesi.
L’ingresso nel Paese non è consentito ai titolari di passaporto israeliano o qualora, su passaporto di altra nazionalità (inclusi quelli italiani), sia stato apposto un visto d’ingresso in Israele (i controlli alla frontiera sono molto meticolosi).

Settimana lavorativa 
UFFICI AMMINISTRATIVI: dal Lunedì al Giovedì dalle ore 8.00 alle ore 14.00; il Venerdì dalle ore 8.00 alle ore 11.00; il Sabato dalle ore 8.00 alle ore 13.00
BANCHE: dal Lunedì al Sabato dalle ore 8.30 alle ore 14.00
NEGOZI: dal Lunedì al Venerdì o Sabato dalle ore 9.00 alle ore 18.00; in estate dalle ore 9,00 alle 15,00.

Carte di credito: Tutte le principali

Principali festività 2017
1 gennaio 2017 Capodanno
6 gennaio 2017 Natale Armeno
9 febbraio 2017 San Maroun Santo Patrono del Libano
14 febbraio 2017 Rafik Hariri Memorial Day
25 marzo 2017 Annunciazione
14 aprile 2017 Venerdì Santo ( Chiesa Cattolica- Chiesa Ortodossa )
17 aprile 2017 Lunedì di Pasqua ( Chiesa Cattolica- Chiesa Ortodossa )
1 maggio 2017 Festa del Lavoro
25 maggio 2017 Festa della Liberazione del Sud
(*) 26 giugno 2017 Eid Al-Fitr (Digiuno Musulmano )
(*) 27 giugno 2017 Eid Al-Fitr (Digiuno Musulmano )
15 agosto 2017 Assunzione
(*) 1 settembre 2017 Adha - Pellegrinaggio Musulmano
(*) 2 settembre 2017 Adha - Pellegrinaggio Musulmano
(*) 21 settembre 2017 Capodanno Musulmano
(*) 30 settembre 2017 Achoura - Giornata dei Martiri Musulmani
22 novembre 2017 Indipendenza Libanese
1 dicembre 2017 Natale Musulmano
25 dicembre 2017 Natale
(*) Per quanto riguarda le festività islamiche, queste variano secondo il calendario lunare. Dal momento che il calendario lunare Hijra è più corto di 11 giorni rispetto al calendario Gregoriano, ogni anno le feste islamiche cadono approssimativamente 11 giorni prima dell’anno precedente. Le date precise sono comunque conosciute solo poco prima della loro celebrazione, dal momento che dipendono dalle fasi lunari.

Libano - indirizzi utili

 

AMBASCIATE E CONSOLATI

Ambasciata del libano e ufficio commerciale: www.liban.it
Consolato Generale Milano: www.liban.it/milano.htm
Ambasciata d’Italia a Beirut: www.ambitaliabeirut.org

MINISTERI

Ministry of Agriculture: www.agriculture.gov.lb
Ministry of Public Works & Transport: www.public-works.gov.lb
Ministry of Environment: www.moe.gov.lb
Ministry of Economy and Trade: www.economy.gov.lb
Ministry of Finance: www.finance.gov.lb
Ministry of Industry: www.industry.gov.lb
Ministry of Justice: www.justice.gov.lb
Ministry of Post and Telecommunications: www.mpt.gov.lb
Ministry of Public Health: www.public-health.gov.lb
Ministry of Tourism: www.lebanon-tourism.gov.lb
Office of the Minister of State for Administration Reform: www.omsar.gov.lb

ENTI GOVERNATIVI

Investment Development Authority of Lebanon (IDAL): www.idal.com.lb
Council of Development & Reconstruction (CDR): www.cdr.gov.lb
Industrial Research Institute (IRI): www.iri.org.lb
Lebanese Standards Institution (LIBNOR): www.libnor.org
Agenzia delle Dogane: www.customs.gov.lb/

CAMERE DI COMMERCIO

Chamber of Commerce & Industry of Beirut & Mount Lebanon – CCIB: www.ccib.org.lb
Chamber of Commerce & Industry of Tripoli & North Lebanon - CCIT: www.cciat.org.lb
Chamber of Commerce & Industry of Saida & South Lebanon - CCIS: www.ccias.org.lb
Chamber of Commerce & Industry of Zahlé & Bekaa CCIZ: www.cciaz.org.lb
Federation of the Chambers of Commerce, Industry & Agriculture in Lebanon : www.cci-fed.org

ASSOCIAZIONI INDUSTRIALI

Association of Lebanese Industrialists (ALI): www.ali.org.lb
Association of the Lebanese Software Industry (ALSI): www.alsionline.org
Association of Travel & Tourism Agents in Lebanon (ATTAL): www.attallb.com