Stampa

PAESI BASSI - Cartina

 

 

 

Paesi Bassi - Informazioni Generali

 

Superficie: 41.528 km² (18,41% occupato dall'acqua)
Punto più alto: 323 m sopra il Livello Normale di Amsterdam (Vaalserberg, Limburgo)
Punto più basso: 6,7 m sotto il Livello Normale di Amsterdam (Nieuwerkerk aan den IJssel, Olanda Meridionale)
Popolazione: 16.94 milioni di abitanti milioni (2015 – Banca Mondiale)
Capitale: Amsterdam. Il Governo centrale e la Corte hanno sede a L’Aia
Altre città principali: Rotterdam; Utrecht; Eindhoven
Lingua: olandese, frisone (parlato solo in Frisia)
Religione: 29% cattolici, 19% protestanti, 6% musulmani, 1% induisti, 1% buddisti
Clima: di tipo atlantico, umido e ventoso, caratterizzato da piogge frequenti, ad alta variabilità. Le estati sono fresche, gli inverni freddi ma non rigidi (raro sotto lo 0°C).
Moneta: Euro dal 1° gennaio 2002.

Paesi Bassi - Principali Indicatori Economici

 

 

2013
2014
2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $)
879.360
865.633
827.559
RNL pro capite, metodo Atlas (US $)
52.330
51.330
48.860
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $)
830.000
825.172
836.956
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($)
49.390
48.930
49.410
Quota del reddito posseduto da più del 20%
..
..
..
PIL (milioni US $)
866.680
879.635
750.284
Crescita del PIL (% annua)
-0,2
1,4
2,0
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo)
1,4
0,1
0,1
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL)
1,9
1,8
1,8
Industria, valore aggiunto (% del PIL)
21,4
20,5
20,0
Servizi, ecc., valore aggiunto (% del PIL)
76,7
77,7
78,2
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL)
82,0
82,6
82,5
Importazioni di beni e servizi (% del PIL)
71,3
71,7
71,7
Investimenti lordi (% del PIL)
18,2
18,5
19,3
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL)
39,7
39,8
..
Tempo necessario per avviare un business (giorni)
4
4
4
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL)
209,4
230,6
219,5
Gettito fiscale (% del PIL)
19,9
20,9
..
Scambi di merci (% del PIL)
145,5
143,5
143,0
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $)
328.684
101.394
101.789
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $)
..
..
..
Fonte: World Bank - Aggiornamento 1/02/2017 
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

 

(*) Previsioni

Crescita annuale del PIL (%)
2005 2,2
2010 1,3
2015 2
2016* 1,9
2017* 1,6
2018* 1,3
2019* 1,4

Paesi Bassi - Prospettive future

 

Secondo le ultime previsioni del CPB - Netherlands Bureau for Economic Policy Analysis (Ente di programmazione economica olandese) nel 2017 i Paesi Bassi si confermano un’economia in crescita. Infatti, il PIL dovrebbe crescere del 2,1% nel 2017, così come è avvenuto nel 2016, per poi scendere all’1,8% nel 2018: una crescita che, seppur moderata, resta comunque superiore a quella dell'Eurozona.
 
A trainare la crescita nel 2017 contribuiranno, in misura diversa, tutte le categorie di spesa. All’aumento significativo delle esportazioni olandesi, si aggiunge la ripresa della domanda interna, grazie all’andamento dei consumi privati, che, dopo l’incremento dell’1,8% del 2016, aumenteranno del 2% nel 2017, come effetto dei risparmi delle famiglie di questi ultimi anni, per poi subire un leggero calo dell’1,4% nel 2018.
 
La spesa pubblica registrerà una variazione progressiva, passando dallo 0,6% del 2016 allo 0,8% nel 2017 e all’1% nel 2018. Mentre per gli investimenti, che nel 2016 erano cresciuti del 4,3%, si prevede un incremento del 3,6% nel 2017 e solo del 2,8% nel 2018 (per decrescita degli investimenti immobiliari). I salari contrattuali dovrebbero crescere mediamente del 2,6% sia nel 2017 che nel 2018, in aumento rispetto all’1,6% del 2016, tenuto conto della mancata incorporazione dell’aumento dell’inflazione negli accordi tra datori di lavoro e sindacati.
 
L’inflazione registra un incremento, passando dallo 0,1% nel 2016 all’1,6% del 2017, a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia, ma scenderà dello 0,2% nel 2018, rimanendo all'1,4% sempre in linea con l’Eurozona.
La disoccupazione scenderà al 4,9% nel 2017, rispetto al 6% del 2016, per poi diminuire ulteriormente al 4,7% nel 2018.
 
Tra gli effetti benefici della ripresa economica e dell’azione di Governo per il risanamento di bilancio, il disavanzo pubblico è diminuito dal 2% del 2015 allo 0,3% del 2016 e nel 2017 dovrebbe raggiungere lo 0,5% del PIL e lo 0,8% nel 2018, come effetto dell’aumento del gettito fiscale. Per la prima volta dal 2010, nel 2017 il rapporto debito pubblico/PIL scenderà al di sotto del 60% del PIL (soglia stabilita nel Trattato di Maastricht), raggiungendo il 58,5% nel 2017, per attestarsi poi al 55,5% nel 2018.  

Paesi Bassi - Settori produttivi

I Paesi Bassi vantano un'economia avanzata, caratterizzata da elevati livelli di reddito pro-capite. Il principale motore della crescita resta il commercio internazionale, che rappresenta circa il 60% del PIL totale. L'apertura dell'economia olandese si riflette anche nel suo successo nell'attirare capitali esteri. I Paesi Bassi restano infatti una delle principali mete di destinazione degli investimenti diretti esteri.

I servizi commerciali rappresentano di gran lunga il settore di maggior importanza nella struttura economica olandese in funzione della particolare posizione geografica del paese, da sempre porta di ingresso privilegiata per l’accesso all’Europa. Nonostante le ridotte dimensioni, l’Olanda presenta una forte concentrazione delle attività per aree geografiche dovuta alle differenti tradizioni storiche delle stesse. Gran parte delle attività connesse direttamente o indirettamente alla distribuzione e all’immagazzinamento delle merci si concentra in prossimità dell’imbocco delle principali vie d’acqua del paese (Zeeland, Rijnmond nei pressi di Rotterdam ed il North Sea Canal vicino Amsterdam). Nella zona di Rotterdam sono localizzate le principali raffinerie del paese così come le principali società di trasbordo.
 
Nel Nord (province di Groningen, Friesland e Drenthe) si concentrano prevalentemente le attività agricole, anche se sono tuttavia presenti numerose piccole imprese, oltre ad alcune imprese di grandi dimensioni quali la Friesland Dairy Foods, la Koninklijke PTT Nederland e Gasunie. La provincia di Utrecht svolge un ruolo di primo piano nel campo dei servizi commerciali mentre nella parte orientale del paese è possibile trovare aziende agricole operative nel settore dell’allevamento e delle colture estensive ed imprese con una spiccata vocazione nel settore della chimica (Azko Nobel).
La maggior parte delle imprese di grandi dimensioni si concentra nel sud e nella parte occidentale del paese: nel Nord Brabant è presente in larga misura l’industria elettronica (Philips, Océ, Tulip) mentre nel Limburgo è possibile trovare l’industria chimica con il gruppo DMS e automobilistica con la Nedcar (Mitsubishi e Volvo). Altre aziende olandesi di rilievo vi sono, ad esempio: Shell, Unilever, Aegon, ING Group, Rabobank, Heineken, TNT e Randstad.
 
I tre quarti della popolazione attiva lavora nel settore terziario, un quarto nel settore industriale e soltanto il 4 percento nel settore agricolo. Nonostante queste cifre, i Paesi Bassi sono un grande esportatore di prodotti agricoli.

Paesi Bassi - Interscambio con l'Italia


L'Italia è stabilmente inserita nei rapporti economici con i Paesi Bassi rappresentando il 5° paese cliente, l’8° paese fornitore.
 
Le esportazioni italiane nei Paesi Bassi nel 2016 sono ammontate a € 9,7 miliardi, in aumento sul valore del 2015 (+2,1%), mentre le importazioni sono ammontate a € 20,1 miliardi, in lieve calo sul valore del 2015 (-1,9%).
Il saldo della nostra bilancia commerciale è quindi negativo per € 10,4 miliardi. L'Italia è stabilmente inserita nei rapporti economici con i Paesi Bassi rappresentando il 5° paese cliente, l’8° paese fornitore.
 
Tra i settori principali del nostro export nei Paesi Bassi nel 2016 figurano i “Medicinali e altri preparati farmaceutici” con un valore pari a € 657,7 milioni, in lieve incremento sul valore del 2015 (+ 0,6%), i “Prodotti della raffinazione del petrolio” per un importo di € 345,2 milioni (+38%) e le “Calzature” per € 252,8 milioni, in aumento sul valore del 2015 (+1,6%).
 
Le principali voci merceologiche del nostro import del 2016 sono i “Computer e unità periferiche” con un valore pari a € 1,72 miliardi, in lieve aumento su quello del 2015 (+ 0,5%), gli “Altri apparecchi elettrici ed elettronici per telecomunicazioni” con un valore di € 1,7 miliardi (-19%) e i “Medicinali e altri preparati farmaceutici” per € 1,2 miliardi (+9%).
   
NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.



Caricando dati...


Paesi Bassi - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali:
0031 per il paese;
70 L’Aia
20 Amsterdam
10 Rotterdam
30 Utrecht
43 Maastricht.

Fuso orario: 1 ora avanti rispetto all’orario del Meridiano di Greenwich; stesso orario del Meridiano rispetto all’Italia (1 ora in meno con l’ora legale)

Visto: non è richiesto alcun visto ai cittadini appartenenti all’Unione Europea. Per i cittadini italiani, in virtù degli Accordi di Schengen, l’entrata nel paese è libera (non è richiesto alcun documento o formalità particolare).

Patente: italiana

Assicurazione minima obbligatoria: l'assicurazione responsabilità civile è obbligatoria per mettere in circolazione qualsiasi veicolo a motore, compresi i ciclomotori. La garanzia minima è di 907.560 € per una vettura privata. Questo si applica anche ad un veicolo importato temporaneamente nei Paesi Bassi.

Assicurazioni estere accettate: un automobilista italiano non ha bisogno di alcun documento d'assicurazione complementare alla sua polizza nazionale.

Settimana lavorativa:
UFFICI PUBBLICI E PRIVATI: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.00-9.00 alle ore 18.00
BANCHE: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 16.00
NEGOZI: I più grandi aprono dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00 con orario continuato; il Sabato dalle ore 9.00 alle ore 17.00

Carte di credito: sono ammesse e largamente accettate tutte le principali carte di credito.

Principali festività 2017:
1 gennaio - Capodanno
14 aprile - Venerdì Santo
17 aprile - Lunedì di Pasqua
27 aprile - Festa del Re
5 maggio - Anniversario Liberazione
25 maggio - Ascensione
5 giugno - Lunedì di Pentecoste
25 dicembre - Natale
26 dicembre - Santo Stefano
 

Paesi Bassi - Principali indirizzi utili

AMBASCIATE E CONSOLATI IN ITALIA
 
Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi a Roma
 
Consolato Generale del Regno dei Paesi Bassi a Milano
 
AMBASCIATE E CONSOLATI/ENTI IN OLANDA
 
Ambasciata d'Italia a L'Aja
 
Rete Consolare
 
Agenzia ICE –Paesi Bassi
 
CAMERE DI COMMERCIO
 
Camera di Commercio Italiana per l’Olanda: http://www.italianchamber.nl/index.php?lang=it
Netherlands Chamber of Commerce: http://www.kvk.nl/
 
MINISTERI
     
ISTITUTI, ENTI, AGENZIE NAZIONALI
 
Nehterlands Foreign Investment Agency
 
ORGANISMI INTERNAZIONALI
 
Delegazione Commissione europea: http://eu.nlmission.org/
ICJ - Corte Internazionale di Giustizia: www.icj-cij.org