Stampa

OMAN

 

 

 

Immagine correlata

 

 

 


Oman - Informazioni Generali

 

Superficie: 309.500 Km2
Capitale: Muscat (1.288.330 abitanti) (2015)
Altre città principali: Al-Batinah; Al-Sharqiyah; Al-Dakhliyah; Al-Dhahirah; Dhofar; Musandum; Al-Wusta
Popolazione (2015): 4.177.125 abitanti (incluso il 30% di immigrati, secondo i dati delle Nazioni Unite)
Lingua ufficiale: Arabo. Largamente usate sono anche l’Urdu, il Baluchi e lo Swahili. L’uso dell’inglese è ampiamente diffuso.
Moneta: L’unità monetaria dell’Oman è il Riyal Oman (OMR), suddiviso in 1000 baisa (Baizas).

Oman - Principali Indicatori Economici

 

 

2013
2014
2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $)
76.394
77.190
75.933
RNL pro capite, metodo Atlas (US $)
19.550
18.220
16.910
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $)
154.429
159.064
173.539
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($)
39.530
37.550
38.650
Quota del reddito posseduto da più del 20%
..
..
..
PIL (milioni US $)
78.939
81.035
69.831
Crescita del PIL (% annua)
4,4
2,5
5,7
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo)
-1,4
0,1
-18,4
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL)
1,3
1,3
1,6
Industria, valore aggiunto (% del PIL)
67,5
64,0
53,9
Servizi, ecc, valore aggiunto (% del PIL)
35,8
39,0
47,4
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL)
75,2
69,5
56,1
Importazioni di beni e servizi (% del PIL)
53,0
46,7
52,5
Investimenti lordi (% del PIL)
29,8
24,8
35,9
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL)
49,4
..
..
Tempo necessario per avviare un business (giorni)
8,3
8,3
8,3
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL)
36,5
41,6
64,6
Gettito fiscale (% del PIL)
2,5
..
..
Scambi di merci (% del PIL)
116,6
101,8
70,7
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $)
1.612
1.505
-2.692
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $)
..
..
..
Fonte: World Bank - Aggiornamento 1/02/2017
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

(*) Previsioni

Crescita annuale del PIL (%)
2005 2,5
2010 4,8
2015 5,7
2016* 2,5
2017* 2,9
2018* 3,4
2019* 3,6

 

Oman - Prospettive future

Muscat ha attivamente perseguito un piano di sviluppo che si concentra sulla diversificazione, industrializzazione, e privatizzazione, con l'obiettivo di ridurre il contributo del settore petrolifero al PIL dal 46% al 9% entro il 2020.
Il Governo continuerà a perseguire la strada della diversificazione dell’economia del paese per eliminare la dipendenza dal settore degli idrocarburi e promuovere lo sviluppo del turismo nel Paese. Il turismo e le industrie del gas sono componenti chiave della strategia di diversificazione governativa dei ricavi e continuerà lo sforzo per incrementare il ruolo del settore privato in progetti su larga scala.
Particolarmente significative le trasformazioni avviate, sul piano infrastrutturale, le cui linee sono dettate dal piano di sviluppo - la cd "2020 Vision" del Sultano Qaboos. L’obiettivo è la realizzazione di un polo logistico intermodale, che assicuri l’interoperabilità dei trasporti attraverso l’integrazione di aeroporti, porti, strade e ferrovie. Tra tutte spicca il progetto per la realizzazione della rete ferrovia che collegherà da sud a nord il paese fino alle reti del GCC. La progettazione preliminare è stata assegnata nel 2014 ad Italferr.
Prosegue la cosiddetta politica di “omanizzazione”, ossia la previsione di una quota della forza lavoro in favore dei cittadini omaniti (in una politica che intende favorire l’occupazione giovanile, in un paese in cui l'età media è 24 anni). Numerose sono le questioni da risolvere, tra le quali la mancanza di forza lavoro omanita qualificata e le differenze di trattamento riservate ai lavoratori omaniti rispetto agli altri.
Con l’emanazione del Royal Decree n.1/2016, il sultanato dell’Oman ha annunciato il proprio nono piano quinquennale che guiderà l’azione di politica economica nel medio periodo. Il piano, che riguarderà il quinquennio che va dal 2016 al 2020, ha l’obiettivo di dimezzare la dipendenza dell’economia dall’industria petrolifera e di attuare un modello di diversificazione che prediligerà i settori manifatturiero, minerario dei trasporti e del turismo.
In base ai 500 programmi e politiche previste dal piano, il contributo dell’industria petrolifera al PIL del paese si ridurrà dal 44% al 22%, mentre il contributo del gas naturale passerà dall’attuale 3,6% del PIL al 2,4 per cento.
Gli investimenti complessivi nei cinque anni saranno pari a 41 miliardi di rials (circa 106 miliardi di dollari) contro i 38 miliardi di rials del precedente piano quinquennale che comunque ha riscosso il successo di aver promosso la crescita delle attività non petrolifere del 7,2 per cento all’anno, contro lo 0,6% delle attività petrolifere.
Il nuovo piano ipotizza un prezzo medio del petrolio di 45 dollari al barile per il 2016, di 55 US$ per il 2017 e il 2018 e di 60 dollari per il 2019 e il 2020, mentre la produzione media giornaliera del sultanato è prevista costante a 990.000 barili. Le riserve petrolifere e di gas naturale del paese ammontano rispettivamente a 5,5 miliardi di barili e 850 miliardi di metri cubi.

Oman - Settori produttivi

 

Il Paese è caratterizzato da un’economia di reddito medio, dipendente fortemente dal petrolio e dal gas che sono però in diminuzione. Il Governo punta infatti alla diversificazione e alla privatizzazione con l’obiettivo di ridurre fortemente l’incidenza di petrolio e gas alla formazione del PIL al 9%. L’Oman cerca investitori privati esteri, soprattutto in campo industriale, tecnologico, turistico, dei trasporti e della formazione. Attualmente 2/3 della popolazione è impiegata nel settore agricolo.
L’Oman sta cercando di diversificare la propria economia in modo tale da non dipendere in maniera così forte dal petrolio. In effetti, le riserve petrolifere sembrano destinate ad esaurirsi nel giro di 20 anni. Lo sviluppo economico e la ricerca si stanno perciò dirigendo verso le ampie risorse di gas naturale, che rappresentano la seconda ricchezza dell’Oman.
 
Sono anni che il Sultanato dell’Oman si sta preparando a fare il salto verso la post-oil economy. Il cuore del piano di sviluppo “Oman Vision 2020”, lanciato nel 1995 e in dirittura d’arrivo, si può riassumere in un unico target: l’emancipazione dell’economia omanita dalla dipendenza dal petrolio.
Tra l’altro le riserve di greggio omanite (circa 5 miliardi e mezzo di barili) risultano nettamente inferiori rispetto a quelle di Stati limitrofi del Golfo, ma l’Oil&Gas rappresenta ancora il comparto trainante dell’economia. Gli sforzi di diversificazione quindi proseguono e guardano già al 2040, anno di approdo pensato per i nuovi piani di sviluppo oltre il 2020. Sviluppo dell’industria ex-oil e del turismo, sono queste le due leve chiave su cui punta Mascate per ridurre ulteriormente la dipendenza dal petrolio. Inoltre il Sultanato si propone come hub logistico regionale e di accesso all’Asia. Il tutto in un’ottica di sostenibilità, criterio al quale il Paese è fortemente sensibile. Basti pensare ad esempio all’impatto che la scarsità d’acqua ha sull’agro-industria.

Oman - Interscambio con l'Italia

 

Per l’Italia, l’Oman è il sessantanovesimo mercato di sbocco per le esportazioni.
Le esportazioni italiane in Oman nel 2016 sono ammontate a € 816,3 milioni, in aumento del 25,3% sul 2015, mentre le importazioni sono state pari a € 50,2 milioni, in calo sul 2015 del 34,5%.
 
Il saldo della bilancia commerciale è nettamente positivo per € 766,1 milioni.
 
I principali comparti produttivi dell’export sono “Costruzioni metalliche e non metalliche per navi e strutture galleggianti” per un valore pari a € 199,5 milioni, “Altri rubinetti e valvole” per € 108,7 milioni (+178%) e “Tubi e condotti saldati e simili” per € 54,7 milioni (-10%).
 
Le principali voci dell’import sono “Ferro, ghisa, acciaio e ferroleghe” per un importo di € 25,9 milioni (+18,8%), “Materie plastiche in forme primarie” per € 10,1 milioni (+13,9%) e “Pesce, crostacei e molluschi lavorati e conservati mediante surgelamento, salatura ecc.” per € 5 milioni (+31,5%).

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Oman 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 338.035.340,00 € 337.736.372,00 € 343.121.334,00
Importazioni € 76.131.132,00 € 33.785.467,00 € 138.383.483,00

Oman - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali: 00 968, prefisso per il Paese

Fuso orario
4 ore avanti rispetto all’orario del Meridiano di Greenwich; 3 ore avanti rispetto all’Italia (2 ore avanti con l’ora legale)

Passaporto: necessario, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell'arrivo nel Paese.
Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato del Paese presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio.
I titolari di passaporto italiano possono prender il visto d'ingresso in Oman alla frontiera pagando il relativo importo differenziato secondo la durata del soggiorno. Un visto di 10 giorni non rinnovabile costa 5 O.R. circa 12 Euro; un visto di 30 giorni rinnovabile per un ulteriore mese costa 20 O.R. circa 48 Euro. Il visto può essere richiesto anche online (solo per la frontiera aereoportuale) sul sito della Royal Oman Police (http://www.rop.gov.om/english/index.asp) e va ritirato all’arrivo in Oman pagando il relativo costo. Il visto può essere richiesto anche presso l'Ambasciata Omanita in Roma.
Qualora si intenda rimanere nel paese oltre il  tempo consentito dal visto d’ingresso, occorre provvedere in tempo al relativo rinnovo altrimenti  verrà applicata una multa di 10 riali omaniti (circa 24 euro) per ogni giorno in più oltre la scadenza del visto. Se si intendono effettuare escursioni dall'Oman nelle regione di Musandam (enclave omanita negli Emirati Arabi Uniti) e nella città di Buraimi (alla frontiera con gli Emirati) occorre verificare accuratamente che sia registrata l’uscita dal Paese sul passaporto (in alcuni casi non vi è una vera e propria frontiera).

Settimana lavorativa
BANCHE: Sabato/Mercoledì ore 8.00/12.00
ATTIVITÀ COMMERCIALI: Sabato/Mercoledì ore 8.00/13.00 e ore 16.00/19.00; il Giovedì ore
8.00/13.00
UFFICI PUBBLICI: Sabato/Mercoledì ore 7.30/14.30
MUSEI: Sabato/Martedì ore 7.30/14.00; tranne il Giovedì, il Venerdì e le feste ufficiali
Il Ramadan è particolarmente sentito nel periodo del Ramadan (che quest’anno è iniziato a metà settembre) e durante il quale nel 2007 il governo ha ridotto le ore di lavoro dalle 9.00 alle 14.00. inoltre durante il Ramadan tutti i ristoranti sono chiusi fino al tramonto.

Carte di credito: Tutte le principali

Principali festività
Le festività laiche celebrate in Oman sono il Capodanno (1°gennaio), la Festa nazionale (18 novembre) e il Compleanno del Sultano (19 novembre); queste ultime due non cadono sempre nella medesima data e possono essere celebrate due volte nello stesso anno. La Festa nazionale è caratterizzata da ogni tipologia di celebrazione ufficiale, in questa ricorrenza tutti gli uffici e i negozi sono chiusi.
 
Le festività islamiche dell’Eid Al-Fitr (che segna la fine del Ramadan), dell’Eid Al-Adha (il pellegrinaggio alla Mecca), il Capodanno islamico e l’Anniversario della nascita del Profeta vengono tutte celebrate in osservanza al calendario musulmano. In occasione dell’Eid Al-Adha hanno luogo feste tradizionali e si balla nelle strade.

Oman - indirizzi utili



Ambasciata d'Italia a Mascate: www.ambmascate.esteri.it
ICE di Dubai è competente anche per l'Oman: www.ice.gov.it/paesi/asia/emirati/
Oman Chamber of Commerce and Industry: www.chamberoman.com
The Omani Centre for Investment Promotion and Export Development: www.ociped.com
 
MINISTERI

Agriculture and Fisheries: www.maf.gov.om
Awqaf (Religious Endowments) and Religious Affairs: www.mara.gov.om
Civil Service: www.omanmocs.gov.om
Commerce and Industry: www.mocioman.gov.om
Education: www.edu.gov.om
Higher Education: www.mohe.gov.om
Housing, Electricity and Water: www.mhev.gov.om
Information: www.omanet.om
 
BANCHE

Central Bank of Oman: www.cbo-oman.org
Bank Muscat Saog: www.bankmuscat.com
National Bank of Oman Saog (Nbo): www.nbo.co.om
Oman Arab Bank Saoc: www.omanab.com
Oman International Bank Saog: www.oiboman.com
Bank of Baroda: www.bankofbaroda.com