Stampa

POLONIA


Risultati immagini per animated flag polonia

 


Polonia - Informazioni Generali

 

Confina a Nord-Est e a Est con la Russia, la Lituania, la Bielorussia, l`Ucraina, a Sud con la Rep.Ceca e la Rep.Slovacca, a Ovest con la Germania; a Nord si affaccia sul Mar Baltico.
Superficie: 311.904 Km2
Popolazione: 38.625.478 abitanti (ultime stime ufficiali). Densità 124 abitanti per Km2.
 
Capitale: Varsavia (1.707.000 abitanti)
 
Altre città principali:
Cracovia (757.000 abitanti);
Lodz (753.000 abitanti);
Wroclaw (633.000 ab.);
Posnania (561.000 abitanti);
Danzica (456.000 abitanti);
Stettino (408.000 abitanti);
Bydgoszcz (361.000 ab.);
Lublin (352.000 ab.);
Katowice (312.000 ab.).
 
Lingua ufficiale: Polacco; per usi commerciali vengono normalmente utilizzati l’inglese. La documentazione tecnica può essere anche in lingua tedesca.
Religioni: Cattolica. Presenti minoranze di religione protestante ed ebraica.
Moneta ufficiale: l'unità monetaria è lo Zloty (PLN). Lo Zloty si divide in 100 Groszy.

Polonia - Principali Indicatori Economici

 

 

2013
2014
2015
RNL, metodo Atlas (milioni US $)
512.677
519.191
506.769
RNL pro capite, metodo Atlas (US $)
13.480
13.660
13.340
RNL, a parità di potere di acquisto (milioni $)
909.604
943.579
984.983
RNL pro capite, a parità di potere di acquisto ($)
23.910
24.820
25.930
Quota del reddito posseduto da più del 20%
8
8
..
PIL (milioni US $)
524.215
545.159
477.066
Crescita del PIL (% annua)
1,4
3,3
3,9
Inflazione, deflatore del PIL (% annuo)
0,3
0,5
0,6
Agricoltura, valore aggiunto (% del PIL)
3,2
2,9
2,6
Industria, valore aggiunto (% del PIL)
32,2
33,2
34,1
Servizi, ecc., valore aggiunto (% del PIL)
64,5
63,8
63,3
Esportazioni di beni e servizi (% del PIL)
46,3
47,6
49,6
Importazioni di beni e servizi (% del PIL)
44,4
46,1
46,5
Investimenti lordi (% del PIL)
19,0
20,4
20,4
Entrate, escluse le sovvenzioni (% del PIL)
30,8
..
..
Tempo necessario per avviare un business (giorni)
37
37
37
Credito interno fornito dal settore finanziario (% del PIL)
67,2
71,0
73,2
Gettito fiscale (% del PIL)
15,5
15,5
..
Scambi di merci (% del PIL)
78,7
81,4
81,9
Investimenti diretti esteri, raccolta netta (BdP, milioni US $)
795
19.776
14.067
Assistenza allo sviluppo e aiuti pubblici ricevuti al netto (milioni US $)
..
..
..
Fonte: World Bank - Aggiornamento 1/02/2017 
RNL (Reddito Nazionale Lordo) = GNI (Gross National Income)
PIL (Prodotto Interno Lordo) = GDP (Gross Domestic Product)
Metodo Atlas: metodo di conversione utilizzato dalla Banca mondiale per perequare le fluttuazioni dei prezzi e dei tassi di cambio
BdP (Bilancia dei pagamenti) = BoP (Balance of Payments)

(*) Previsioni
Crescita annuale del PIL (%)
2005 3,5
2010 3,6
2015 3,9
2016* 2,5
2017* 3,1
2018* 3,3
2019* 3,4

Polonia - Prospettive future

 

La Banca Nazionale polacca (NBP) ha stimato l’aumento del PIL per il biennio 2016-2017 al 3,8% e per l’anno successivo al 3,4%. La crescita del PIL è sostenuta principalmente dall’aumento della spesa per consumi finali grazie al miglioramento della situazione finanziaria delle famiglie e alla buona situazione sul mercato del lavoro.
Secondo le previsioni del Fondo Monetario Internazionale da qui al 2020 la crescita media dovrebbe essere del 3,5-3,6%. La disoccupazione dovrebbe assestarsi intorno al 7%. Saldo di bilancio e debito pubblico sono dati sotto controllo.
 
Quanto alle altre variabili, il Fmi offre un quadro positivo, tendente alla stabilità, se non al miglioramento. Nel 2020 il PIL pro capite è destinato a sfondare il muro dei 15mila euro, mentre la disoccupazione dovrebbe assestarsi intorno al 7% (al momento dell’ingresso in Europa era quasi al 20%). Il debito pubblico dovrebbe tornare al di sotto del 50%, dopo che negli ultimi temi si era avvicinato alla linea rossa del 55%, fissata dalla Costituzione. Il saldo di bilancio, infine, è dato al di sotto del parametro europeo del 3%, che in precedenza era stato superato facendo scattare la procedura per eccesso di deficit.

Polonia - Settori produttivi

 

L’economia polacca, come quella della gran parte dei Paesi dell’Europa Centro-Orientale , ha attraversato una fase di adattamento e di transizione verso gli standard delle economie dei Paesi occidentali.
Dopo più di venti anni dalla caduta del muro di Berlino, la Polonia si presenta come un paese con un settore privato, sia secondario che terziario, in fase di crescente espansione.
Nel 1989 il settore privato contribuiva per il solo 18% alla formazione del PIL, mentre oggi tale percentuale è preponderante sulle altre. Allo stesso modo anche il panorama occupazionale ha subito profondi mutamenti: la percentuale della forza lavoro occupata nel settore privato, escluse le attività agricole, è triplicata tra la fine degli anni ottanta e l’inizio del nuovo millennio.
Il settore, che in termini di contributo alla formazione del PIL, ha subito il maggior calo è quello agricolo, che è passato dal 13,1% registrato nel 1988 ad una percentuale in media tra il 3% e 5% negli anni 2000, anche se negli ultimi anni il suo contributo sta aumentando costantemente. Ciò non significa tuttavia che l’incidenza del settore nel sistema economico polacco si sia ridotta in quanto, in termini di forza lavoro impiegata, l’agricoltura resta uno dei settori più importanti, al pari del settore industriale.
Un’importante espansione si è avuta nel settore dei servizi, sia pubblici che privati, che, rispetto al 1988, allorquando il contributo alla formazione del PIL era del 14,1%, ha fatto grandi passi avanti, portando il proprio contributo all’attuale circa 70%.

Polonia - Interscambio con l'Italia

 

Le esportazioni italiane in Polonia nel 2016 sono ammontate a € 11,2 miliardi, in aumento sul valore del 2015 (2,7%), mentre le importazioni del 2016 sono state pari a € 8,7 miliardi, anch’esse in crescita sul 2015 (+2,3%).
Il saldo della nostra bilancia commerciale è quindi positivo per € 2,5 miliardi.

Le principali voci commerciali del nostro export del 2016 sono gli “Autoveicoli” per un importo pari a € 798 milioni, in aumento sul 2015 (+4,1%), “Altre parti e accessori per autoveicoli” per € 768 milioni (+ 5,3%) e “Ferro, ghisa, acciaio e ferroleghe" per € 341,4 milioni (+6,8%).
In merito alle importazioni del 2016, le principali voci commerciali sono “ Autoveicoli” per un importo pari a € 1,4 miliardi, in aumento sul valore del 2015 (+8,1%), “Altre parti e accessori per autoveicoli” per € 768 milioni (+5,6%) e “Carne non di volatili e prodotti vari della macellazione (pellami, strutto, frattaglie ecc.)“ per un valore pari a € 449,5 milioni (-0,06%)

NB:
I dati della I e II Tabella (Interscambio Italia/Paese) sono aggiornati trimestralmente in concomitanza con le pubblicazioni trimestrali dell'ISTAT.
I dati della III (Principali prodotti importati in Italia) e IV (Principali prodotti esportati dall'Italia) Tabella sono aggiornati annualmente in concomitanza con le pubblicazioni dell'ISTAT.

Mercati a Confronto

Interscambio Italia - Polonia 2013
Gen - Dic
2012
Gen - Dic
2011
Gen - Dic
Esportazioni € 6.725.287.890,00 € 7.110.386.296,00 € 10.066.708.478,00
Importazioni € 5.069.240.545,00 € 5.942.741.627,00 € 8.322.122.059,00

Polonia - Informazioni di viaggio

 

Prefissi internazionali:
0048 per il Paese;
22 Varsavia

Fuso orario: 1 ora avanti rispetto all’orario del Meridiano di Greenwich; stesso orario del Meridiano rispetto all’Italia.
Documenti: per l’ingresso nel Paese è necessario il Passaporto o la carta d’identità valida per l’espatrio. E’ necessario viaggiare con uno dei due documenti in corso di validità da esibire in caso di richiesta da parte delle autorità locali. Se si desidera soggiornare in Polonia per più di 90 giorni è necessario registrare il soggiorno presso l’Ufficio del Voivoda (Ufficio di Prefettura della Polonia su struttura regionale), verificando che i documenti (passaporto o carta d’identità valida per l’espatrio) siano validi per l'intero periodo del soggiorno. Con l’entrata del Paese nell’area Schengen sono stati eliminati i controlli alle frontiere terrestri, marittime e aeroportuali con i Paesi UE.

Settimana lavorativa:
UFFICI AMMINISTRATIVI: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.00 alle ore 16.00 (talvolta il Sabato);
NEGOZI DI ALIMENTARI: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 06.00 alle ore 19.00; il Sabato dalle ore 06.00 alle ore 13.00
ALTRI NEGOZI: dal Lunedì al Venerdì dalle ore 11.00 alle ore 19.00

Carte di credito: l’uso delle carte di credito è largamente diffuso; le carte più diffuse sono: Access, Air Plus, American Express, Carte Blanche, Diners Club, Eurocard, ICB, MasterCard e Visa.
 
Festività nazionali:
1° gennaio (Capodanno);
Pasqua;
1° maggio (Festa del lavoro )
3 maggio (Giornata nazionale polacca - Anniversario della Costituzione);
Corpus Domini variabile;
15 agosto (Assunzione );
1° novembre (Ognissanti);
11 novembre (Festa nazionale dell’indipendenza);
25 dicembre (Natale);
26 dicembre (S. Stefano);
06 Gennaio ( Epifania).

Polonia - Principali indirizzi utili





AMBASCIATE E CONSOLATI IN ITALIA
 
Ambasciata della Repubblica di Polonia in Italia
Via P.Paolo Rubens, 20 - 00197 Roma
Tel: +39 06 36204200 - Fax: +39 06 3217895
 
Ufficio Consolare dell'Ambasciata della Repubblica di Polonia in Italia
Via di San Valentino 12 - 00197 Roma
Tel: +39 06 36204302 - Fax: +39 06 80693217
 
Ufficio Promozione del Commercio e Investimenti dell'Ambasciata della Repubblica di Polonia in Italia
Via Olona, 2/4 - 00198 ROMA
Tel: +39 06 8548189, 06 8541128 - Fax: +39 06 8553391
 
Consolato Generale della Repubblica di Polonia in Milano
Corso Vercelli, 56 - 20145 Milano
Tel.: +39 02 48018978 - Fax: +39 02 48020345
 
Consolato Onorario a Bologna
Via del Pratello N. 6 - Angolo Piazza San Francesco, 40125 Bologna
Tel: +39 051.228 909, +39 320.11.059.69 - Fax: +39 051.227 238
 
Consolato Onorario a Genova
Piazza Tommaseo 4/5 - 16129 Genova
Tel: +39 010.3106275 - Fax: +39 010.366489
Consolato Onorario a Venezia
Palazzo Condulmer, Fondamenta Coldumer, Santa Croce 251 - 30135 Venezia
Tel: +39 041.0995458 cell: +39 3474437492 - Fax: +39 041.0995459
 
Consolato Onorario a Torino
Corso Galileo Galilei 40 - 10126 Turyn
Tel. +39 011623897 - Fax: +39 011 62 38 97
 
AMBASCIATE E CONSOLATI IN POLONIA

Ambasciata d'Italia a Varsavia
Plac Dąbrowskiego 6 - 00055, Varsavia
Tel.: +48 22 826 3471-2; Fax: +48 22 827 8507
 
Consolato onorario a Cracovia
ul. Wenecja 3, 31-117 Cracovia
Tel: +48 012 429 29 21 - Fax: +48 012 411 20 99
 
Consolato onorario a Wrocław/Breslavia
Plac Kosciuszki 10/1, 50-028 Wrocław
Tel: +48 071 34 37 197
 
Consolato onorario a Gdynia
ul.Chopina 4, 81-407 Gdynia
(orario di apertura al pubblico: il lunedì e giovedì dalle 10.00 alle 13.00)
Tel./Fax: +48 058 620 15 61
 
ICE-AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL'ESTERO E L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE
 
BIURO ICE W WARSZAWIE
Ul. Marszałkowska 72, 00-545 Varsavia
Tel: +48 22 6280243 - Fax: +4822 6280600
Orario di apertura al pubblico: lunedì-giovedì 8.30-17.00, venerdì 8.30-14.30
L'ufficio ICE di Varsavia fornisce servizi di prima assistenza e informazioni di base anche per la Lituania.
 
CAMERE DI COMMERCIO

Camera di Commercio italo polacca
ul. Mokotowska 46A lok. 25 (2°p.), 00-465 Varsavia
Tel: +48 22 826.34.85 - Fax +48 22 826.34.87
 
Poland Import Export Chamber Of Commerce
Polish Chamber of Commerce
 
Camera del commercio marittimo
 
MINISTERI
 
Governo
Ministero dell’economia
Ministero della salute
Ministero dello sviluppo regionale
Ministero dell’amministrazione e della digitalizzazione
Ministero del tesoro
Ministero degli Interni e del controllo dei servizi speciali e di intelligence
Ministero della giustizia
Ministero dell’ambiente
Ministero del lavoro e delle politiche sociali
Ministero della scienza e dell’istruzione superiore
Ministero dello sport e del turismo
Ministero dei trasporti, costruzioni ed economia marittima
Ministero delle finanze
Ministero dell’agricoltura e dello sviluppo rurale
Ministero della difesa nazionale
Ministero degli affari esteri
Ministero dell’educazione nazionale
Ministero della cultura e del patrimonio nazionale
 
ISTITUTI, ENTI, AGENZIE NAZIONALI
 
Industrial Development Agency
Invest in Poland
National Council of Agricultural Chambers
Standardizzazione
Ufficio centrale di statistica
Dogane
Ente nazionale per il turismo
Agenzia nazionale per l’energia atomica
Agenzia nazionale per la conservazione dell’energia
Gazzetta ufficiale
 
TRASPORTI
 
General Directorate for National Roads and Motorways
Office for Railway Transport
Civil Aviation Office
Polish Air Navigations Services Agency
Polskie Koleje Państwowe (ferrovie polacche)
 
ORGANISMI INTERNAZIONALI
 
Rappresentanza Commissione europea
Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (EBRD)
The World Bank – Varsavia
UNIDO
Fondo Monetario Internazionale
Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD)
World Trade Center Warsaw
 
PRINCIPALI ISTITUTI BANCARI
 
Narodowy Bank Polski – Banca centrale
Warsaw Stock Exchange
PKO Bank Polski
Bank Pekao SA
ING Bank Śląski
HSBC Bank Polska S.A
Bank Ochrony Środowiska
Bank BPH
Bank Gospodarki Zywnosciowej